Molti esperti di informatica concordano sul fatto che Linux sia il miglior sistema operativo. Affidabile, velocissimo e libero, sopratutto. Libero significa modificabile e personalizzabile, significa sempre gratis, significa un sistema operativo veramente nostro.

Vi è la convinzione che sia quasi impossibile installare Linux su terminali “bloccati” quali lo sono i Mac invece ci sono i metodi che ci spiegano come installare Linux su Mac.  Il privilegio di portare a termine una operazione di questo tipo è duplice: Apple sui suoi computer monta hardware dalle enormi performance ma con un sistema operativo che non offre molte possibilità di personalizzazione.

REFItPer installare Linux su Mac avremmo bisogno di un programma che funzioni da boot leader per gestire l’avvio di diversi sistemi operativi. I Mac usano una tecnologia chiamata EFI in virtù dei suoi processori Intel, e che è l’alternativa del vecchio Bios. Per poter installare altri sistemi operativi quindi la prima cosa da fare è scaricare un programma che si chiama rEfit, ma invece di installarlo con la procedura automatica, usare il processo manuale, copiando la directory efi nella cartella Root di Mac e digitando sul terminale le righe:

cd /efi/refit

./enable.sh

oppure, per attivare il boot leader definitivamente


cd /efi/refit

./enable-always.sh

Dopo ciò possiamo passare all’Utility Disco di MacOs per creare una partizione e da qui Linux può essere installato sia tramite una USB creata con la Iso della distribuzione che ci interessa di Linux Ubuntu. rEFit si occuperà all’avvio di farci scegliere quale sistema operativo fare partire. In realtà l’USB non funziona in tutti i casi in quanto EFI non supporta pienamente questa opzione quindi è meglio avere a disposizione anche un CD o DVD nel lettore per fare continuare l’installazione quando una periferica si disattiva.

bootcamp mac iosAlcuni utenti prima di installare Linux, usano l’utility del Mac Bootcamp per installare Windows e poi installare Linux.

Una alternativa è quella di usare Virtual Machine, un programma che permette di simulare all’interno del Mac o del Pc un terminale inesistente. In questo modo si possono provare altri sistemi operativi senza intaccare minimamente il resto del pc, è un modo per provare in tutta sicurezza Linux su Mac in modo “isolato” sicuri di non fare danni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome