Il Registro pubblico delle opposizioni è tenuto dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per le opposizioni dei privati alle comunicazioni spam.

Come funziona il Registro pubblico delle opposizioni

Il Registro pubblico delle opposizioni (Rpo) è un registro tenuto dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) per le opposizioni dei privati alle comunicazioni commerciali indesiderate, come ad esempio: chiamate telefoniche, sms, e-mail, posta cartacea e messaggi istantanei. Il registro consente ai cittadini di opporsi alle comunicazioni commerciali indesiderate registrando il proprio numero di telefono o indirizzo e-mail. Gli operatori che inviano questo tipo di comunicazioni sono tenuti a verificare l’elenco prima di inviare una comunicazione, e in caso di contatto con un indirizzo presente nel registro, devono interrompere immediatamente l’invio.

Per registrarsi al Rpo è necessario compilare un modulo di registrazione e inviarlo all’Agcm, insieme a una copia del proprio documento d’identità. Una volta registrati, i cittadini possono segnalare eventuali violazioni delle norme relative alle comunicazioni commerciali indesiderate all’Agcm. Il Rpo è uno strumento utile per contrastare il fenomeno delle comunicazioni commerciali indesiderate, ma è importante notare che non garantisce una totale protezione dalle chiamate indesiderate, soprattutto da parte di operatori non in regola con la legge o dalle truffe telefoniche.

Come registrarsi al Registro pubblico delle opposizioni

Per registrarsi al Registro pubblico delle opposizioni, è necessario seguire questi passi. Visita il sito web dell’Agcm e seleziona la sezione “Registro pubblico delle opposizioni”. Scarica e compila il modulo di registrazione. Il modulo richiede informazioni come nome, indirizzo e-mail, numero di telefono e tipo di comunicazione indesiderata per la quale si chiede di essere inseriti nel registro. Invia il modulo compilato all’Agcm, insieme ad una copia del tuo documento d’identità. Attendere la conferma dell’avvenuta registrazione. Una volta registrato, le informazioni saranno utilizzate per creare un elenco di persone che hanno espresso il loro disaccordo per ricevere comunicazioni commerciali indesiderate.

Gli operatori che inviano questo tipo di comunicazioni sono tenuti a verificare l’elenco prima di inviare una comunicazione, e in caso di contatto con un indirizzo presente nel registro, devono interrompere immediatamente l’invio. La registrazione al Registro pubblico delle opposizioni non protegge dalle chiamate indesiderate provenienti da operatori non in regola con la legge o dalle truffe telefoniche, per questo occorre segnalare immediatamente eventuali attività sospette all’Agcm.

Articolo precedenteQuali sono le app per riciclare i regali ricevuti a Natale
Prossimo articoloCome recuperare l’account Instagram hackerato

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome