facebook
facebook

Lo sviluppo capillare della rete ha portato nel mercato del lavoro, da un lato, un’evoluzione digitale delle professioni già esistenti e, dall’altro, la comparsa di nuove figure legate intrinsecamente a internet. Una di queste è il Digital Pr che, accanto alle competenze di un normale addetto alle pubbliche relazioni, presenta conoscenze specifiche anche degli strumenti digitali. Se l’interlocutore privilegiato di un pr era principalmente il giornalista, con il digital pr la cerchia di contatti rilevanti si allarga anche a professionisti che operano sul web, come i community manager e i blogger, importanti per cercare di fare promozione in rete, soprattutto in ambito social.

E proprio il web 2.0 è  il terreno su cui il digital pr deve puntare in maniera privilegiata cercando di sfruttare le potenzialità social che offrono per far penetrare in maniera capillare contenuti. In particolare questo professionista deve puntare a una maggiore interazione online, a cui deve affiancare un’attività di monitoraggio e reportistica dei contenuti presenti sulla rete e dei dibattiti che sui social si sviluppano. In quest’ottica grande importanza rivestono gli influencer, figure che, per la loro “popolarità” e “autorevolezza” in determinati ambiti, sono in grado, appunto, di influenzare le opinioni degli utenti, nonché di diffondere in breve tempo un contenuto ad una vasta cerchia di persone.

Altra professione legata indissolubilmente alla rete è il Seo content creator che si occupa di produrre contenuti per internet dotati di caratteristiche precise in grado di migliorarne la rilevazione, l’analisi e la lettura sui motori di ricerca. Tra le competenze di questo professionista la capacità di gestire l’uso dei tag html, di prestare attenzione ai titoli e alle parole chiave,  in modo da renderli chiari e coerenti con il testo, in poche parole gestire i contenuti (sia livello visibile agli utenti web, sia a livello di struttura interna della pagina web) per favorire il maggior numero di accessi alla pagina.