Apple sta trasferendo la produzione del nuovo Mac Pro in Cina. Se l’anticipazione del Wall Street Journal viene confermata, si tratterebbe di un passaggio storico perché la società di Cupertino è a oggi la più grande azienda statunitense produttrice di tecnologia. Mac Pro, un computer desktop di fascia alta che rappresenta una piccola parte delle vendite di Apple, ma è un esempio del tentativo da parte di un’azienda americana di produrre al di fuori dei confini degli Stati Uniti.

Guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina

Apple, come la maggior parte dei produttori di computer di grandi brand, progetta di solito i suoi prodotti negli Stati Uniti, dove sono realizzati anche alcuni dei suoi componenti. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, l’assemblaggio finale viene eseguito in luoghi come la Cina, dove i costi di produzione sono notevolmente inferiori. Dopo aver detto che avrebbe costruito Mac Pro negli Stati Uniti, Apple ha riscontrato una serie di problemi nel provare a farlo nello stabilimento del Texas. Tra le altre questioni, Apple ha faticato a trovare aziende in grado di produrre alcune delle parti necessarie per i computer.

La produzione di prodotti hi-tech è un elemento chiave dell’attuale controversia commerciale tra Stati Uniti e Cina. Il contrasto ha messo Apple in una posizione scomoda perché la Cina è anche uno dei più grandi mercati per prodotti come il suo iPhone. Lo spostamento della produzione dal Texas potrebbe far andare su tutte le furie il presidente Donald Trump e la sua politica di conservazione della produzione negli Stati Uniti.

Mentre sta affrontando la pressione dell’amministrazione Trump per lo spostamento delle operazioni di produzione negli Stati Uniti, Apple subisce quella degli azionisti in un periodo in cui le vendite hanno rallentato. A gennaio, Apple ha perso le aspettative di guadagno per la prima volta in 16 anni, principalmente a causa del calo delle vendite di iPhone in Cina. Quando la società ha annunciato i suoi ultimi utili trimestrali, abbiamo scoperto che i suoi profitti sono diminuiti del 16,4% rispetto all’anno precedente.

A maggio, l’amministrazione Trump ha minacciato di imporre una tassa d’importazione del 25% su quasi tutti i beni di consumo importati dalla Cina se i due paesi non hanno risolto le loro divergenze. Le preoccupazioni tariffarie hanno spinto Apple a considerare altri paesi, ma non gli Stati Uniti, per la sua produzione. Da parte sua, Apple ha dichiarato che l‘assemblaggio è solo un passo in un ampio processo di produzione che ha creato posti di lavoro in molti Paesi. La società ha spiegato di aver lavorato solo nello scorso anno in 30 Stati e di aver speso 60 miliardi di dollari con oltre 9.000 fornitori negli Stati Uniti.

Gran parte del lavoro è svolto in enormi fabbriche in Cina, alcune delle quali si estendono per chilometri e impiegano centinaia di migliaia di persone per assemblare, testare e confezionare i prodotti Apple.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome