LibreOffice è considerata una delle migliori suite di programmi per l’ufficio, da usare in alternativa al popolare Microsoft Office. Ci sono molti motivi che portano a questa conclusione, come l’inclusione di tutti i principali programmi per la creazione di documenti di testo, fogli di calcolo e presentazioni. Ma è soprattutto la sua compatibilità con i software Microsoft a farne un’alternativa valida. Con LibreOffice è possibile sia aprire, sia creare documenti compatibili con i classici Word, Excel, PowerPoint. Ma è però prima di tutto un programma open source, cioè sviluppato dalla comunità del web. Pur essendo semplice da installare e usare, le operazioni preliminari non sono così automatiche come nelle alternative commerciali.

Come fare a scaricare, installare e usare le funzioni di LibreOffice? LibreOffice è una raccolta di programmi gratuiti e in italiano. Per scaricare la suite, andiamo alla pagina https://it.libreoffice.org e facciamo clic su Scaricate ora, oppure su Download. Ci sono due versioni disponibili: Fresh e Still. Quella Fresh contiene gli ultimi aggiornamenti. Facciamo clic su Scaricate la versione 5.4.0, la più recente nel momento in cui scriviamo. Quando si apre la finestra di download, facciamo clic su Salva file e decidiamone la destinazione. Le dimensioni del file sono di circa 200 MB. Terminato il download, facciamo doppio clic sull’eseguibile appena scaricato e avviamo la procedura di installazione guidata, cliccando sul pulsante Avanti.

L’installazione ci chiede di procedere in modo automatico o manuale. Scegliamo quest’ultima modalità, poi spuntiamo le caselle in Tipo di file per associare i file Office a LibreOffice. A installazione avvenuta, il primo avvio del programma ci mostra la schermata che contiene i file recenti. Se abbiamo lavorato a documenti Office, li troviamo elencati qui. Prima di cominciare, clicchiamo sul menu Strumenti e scegliamo Opzioni. Facciamoci un’idea degli elementi che si possono modificare per usare al meglio i programmi. A questo punto siamo pronti a partire. Dalla schermata principale, facciamo clic sull’icona di uno dei programmi, in questo caso Writer, e cominciamo a familiarizzare con i comandi dell’interfaccia.

La piena compatibilità con i programmi Microsoft Office è fondamentale per qualsiasi suite da ufficio alternativa, poiché quella di Microsoft è così diffusa da rappresentare lo standard. Il rischio di usare programmi non compatibili è quello di spendere molte ore di lavoro nella creazione di un documento che poi non potrà essere aperto con i vari Word, Excel e PowerPoint. La suite LibreOffice non teme questo tipo di difficoltà, essendo nata per garantire la massima compatibilità. Qualunque documento di Office potrà essere aperto senza problemi da Writer, Calc, Impress e dagli altri programmi che fanno parte della raccolta. Allo stesso modo, i file di LibreOffice potranno essere creati in un formato compatibile con la suite di Microsoft. A questo proposito, nel salvare un documento suggeriamo di utilizzare i formati con la x finale, come Docx, Xlsx, Pptx e così via.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome