La creazione di account personali nel nuovo sistema operativo Windows 10 (e successivi aggiornamenti rilasciati di volta in volta, come il recente Creators Update) per gli ospiti e i componenti della famiglia, è solo il primo passo per raggiungere un buon livello di sicurezza nell’uso del nostro PC. E anzi, considerando la sincronizzazione tra dispositivi e la volontà di Microsoft di aumentare il tasso di interscambialità, è una procedura di cui avere memoria. In qualità di Amministratori del sistema abbiamo infatti la libertà di decidere fino a che punto questi account possono accedere ai documenti e operare liberamente sul contenuto del computer.

L’azienda di Redmond mette a disposizione due tipologie di account con funzionalità e soprattutto con diverse libertà di intervento: Administrator e Standard. Nel primo caso, il possessore dell’account avrà accesso a ogni aspetto del computer e potrà utilizzarlo senza limitazioni. Nel caso dell’account Standard, invece, sono imposti dei limiti per evitare che le azioni svolte vadano a compromettere l’integrità e la sicurezza del sistema. C’è poi una tipologia di account particolare dedicata ai bambini, sui quali l’amministratore del computer ha un controllo ancora maggiore, così da evitare, per esempio, l’installazione di programmi e altro.

E allora, come fare a a gestire i permessi degli account di Windows 10? Il sistema più semplice per modificare le impostazioni di un account è scrivere nella casella di ricerca Pannello di controllo. Selezionare la voce nel menu Start e premere Invio. Nella finestra del Pannello di controllo, individuiamo la sezione Account utente e facciamo clic sul collegamento subito sotto, chiamato Cambia tipo di account. Nella nuova schermata, vedremo un elenco di tutti gli account disponibili per il computer in uso. Facciamo doppio clic sul nome dell’account che vogliamo modificare per aprirlo. Vedremo il nome dell’account e le due scelte Administrator e Standard, insieme a una breve descrizione. Scegliamo quella da usare e facciamo clic su Cambia tipo di account.

Si ricorda che il ventaglio delle opzioni del sistema operativo di Microsoft si è da poco arricchito con il nuovo Windows 10 S, pensato per il supporto delle app scaricabile sul Windows Store anche sui PC economici ovvero con requisiti poco elevati. Il principale target a cui si rivolge l’azienda di Redmond è il mondo scolastico e dell’educazione. Di conseguenza con Windows 10 S tutto è più semplice, a iniziare dal taglio dei tempi di avvio: bastano 15 secondi per rendere operativo il computer. Sono poi fruibili solo le app caricate sul Windows Store in un contesto non di limitazione ma di esclusività.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome