Mese dopo mese vengono sfornati nuovi cellulari top di gamma. Ma non sempre si possono o si vogliono spendere cifre considerevoli per uno smartphone e si va così alla ricerca di telefoni economici. A oggi, con una impegno di spesa inferiore a 300 euro, è possibile portare a casa device interessanti sotto il profilo del rapporto tra qualità e prezzo. La chiave è rappresentata dalla varietà del mondo Android purché si accetti qualche compromesso, come la rinuncia del display curvo del Samsung Galaxy S8 o la doppia fotocamera Leica posteriore di Huawei P10.

Nokia 6

Che ci crediate o meno, Nokia sta realizzando smartphone Android di tutto interesse. Il Nokia 6 è ideale per chi ha un budget limitato ed è pensato per durare nel tempo. Mostra un display Full HD da 5,5 pollici, uno scanner di impronte digitali sulla parte anteriore del telefono e due altoparlanti stereo. In dotazione ci sono anche il processore Snapdragon 430 con 3 GB di RAM, 32 GB di memoria, uno slot microSD, una fotocamera da 16 megapixel, una videocamera da 8 megapixel, una batteria da 3.000 mAh, audio certificato Dolby Atmos. Il telaio è in alluminio estremamente robusto. Nokia 6 è venduto con il sistema Android Nougat da aggiornare ad Android Oreo. Il prezzo è di circa 230 euro.

ZTE Axon 7 Mini

C’è stato un periodo in cui ZTE proponeva solo smartphone di fascia medio-bassa. Adesso i tempi sono cambiati e il produttore cinese ha messo sul mercato anche device di maggior pregio e dal prezzo più elevato. Tuttavia è nel segmento entry level che si distingue con terminali interessati sotto il profilo del rapporto tra prezzo e qualità. L’Axon 7 Mini, ad esempio, non sembra un telefono economico, soprattutto per via del telaio in metallo. Dispone di un display Full HD da 5,2 pollici e altoparlanti frontali, 32 GB di memoria da estendere con uno slot microSD e un processore veloce a 8 core. La parte migliore è la fotocamera Samsung Isocell da 16 megapixel sul retro che fa il paio con la videocamera frontale da 8 megapixel. L’impegno di spesa è di circa 250 euro.

Huawei P9 Lite

Huawei è un produttore cinese che sta diventando un nome sempre più familiare in Italia e la cui gamma Lite dei top di gamma sta ottenendo un seguito commerciale e di consenso da non sottovalutare. L’aumento della popolarità è arrivata in seguito alla collaborazione con Google nella realizzazione di Nexus 6P. Huawei P9 Lite mostra uno schermo IPS da 5,2 pollici ed è spinto dal processore Octa core Kirin 650 (4 x 2,0 GHz + 4 x 1,7 GHZ) a 64 bit accompagnato da 3 GB di RAM. La fotocamera posteriore è da 13 megapixel con flash LED, quella anteriore da 8 megapixel. Il sistema operativo di partenza è Android 6.0 Marshmallow. Lo smartphone supporta anche le connettività Wi-Fi, GPS e Bluetooth 4.1. Adesso è quotato intorno a 210 euro.

OnePlus 2

La qualità degli smartphone è cresciuta in maniera esponenziale, ma già ai tempi del suo lancio sul mercato, il OnePlus 2 veniva considerato l’alternativa cinese ai vari iPhone 6S e Samsung Galaxy S6. Con la differenza del costo più abbordabili (oggi servono appunto meno di 300 euro). Tutto realizzato in metallo, anche se sulla parte posteriore c’è una finitura in arenaria, esibisce un display HD da 5,5 pollici con risoluzione pari a 1.920 x 1.080 pixel e porta con sé 64 GB di storage e 4 GB di RAM nel contesto di un processore octa-core Qualcomm Snapdragon 810 a 1,8 GHz a 64 bit. Ecco poi una capiente batteria da 3.400 mAh, una fotocamera da 16 megapixel sul retro e il lettore di impronte digitali in stile Samsung.

Asus ZenFone 3

L’ex top di gamma conquista subito le attenzioni per via delle sue dimensioni generose. Schermo da 5,2 pollici con risoluzione Full HD (1.920 x 1.080 pixel) e spinto dal processore SoC Qualcomm Snapdragon 625 con otto core Cortex-A53 affiancato da 4 GB di RAM, esibisce lo spazio per due SIM e 32 GB di storage. La batteria è da 3.000 mAh, le due fotocamere, posteriore e anteriore, rispettivamente da 16 e 8 megapixel. Durante l’utilizzo della fotocamera di ZenFone 3, lo stabilizzatore ottico d’immagine a 4 assi rileva ogni movimento involontario della mano prevenendo la sfocatura delle foto. Acquistabile nei colori blu, nero, bianco e oro, il suo punto di forza rimane il prezzo contenuto: 259 euro.

Lenovo Moto G5 Plus

Il Moto G5 Plus ha un design un po’ massiccio e quindi un po’ meno moderno rispetto ad altri smartphone, ma per quello che costa offre un’esperienza d’uso da non sottovalutare. Lo schermo HD da 5,2 pollici è luminoso e riproduce i colori quasi come un Amoled. La fotocamera posteriore da 13 megapixel non ha lo stabilizzatore ottico, ma è veloce nella messa a fuoco. Più in generale, il sistema è rapido con una interfaccia pulita e poche personalizzazioni. Dalla sua c’è anche uno scanner per il riconoscimento delle impronte digitali. La batteria offre la ricarica rapida: bastano 15 minuti per avere altre 6 ore di autonomia. Con 234 euro si porta a casa.

Google Nexus 5X

Realizzato da LG, il Nexus 5X mostra un display da 5,2 pollici con protezione Gorilla Glass 3 e risoluzione Full HD e 424 ppi ed è spinto dal processore Qualcomm Snapdragon 808 a 2 GHz e 64 bit con GPU Adreno 418 e 2 GB di RAM di tipo LPDDR3. Nella parte posteriore del Nexus 5X è presente una fotocamera con sensore da 12,3 megapixel con dual flash e in grado di registrare video in 4K; in quella frontale una videocamera da 5 megapixel. Il device è equipaggiato con accelerometro, giroscopio, sensore di prossimità, compasso digitale e barometro, lettore di impronte digitali Nexus Imprint e porta USB Type-C. La batteria è da 2.700 mAh. Acquistabile nelle colorazioni carbon black, quartz white e ice blue, servono circa 250 euro.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome