Fine compatibilità di WhatsApp per un mucchio di cellulari. Si tratta di un passaggio inevitabile, considerando che il progressivo livello di innovazione della popolare app di messaggistica istantanea non viaggia allo stesso passo degli smartphone più recenti. Il problema, intendiamoci, non sono in device in sé, ma i sistemi operativi con cui sono equipaggiati. Sia che si tratti di un iPhone o di un terminale Android, trascorso un certo numero di anni questi cellulari non ricevono più aggiornamenti software. E i vari update di WhatsApp, come tutti quelli delle altre app, girano solo su dispositivi compatibili con le più recenti iterazioni. Strategia per far cambiare smartphone? Forse.

WhatsApp fine supporto: gli smartphone coinvolti

A comunicare la lista degli smartphone non più compatibili con WhatsApp è stata la stessa società che adesso fa parte del gruppo Facebook. Si tratta degli smartphone equipaggiati con Android 2.3.7 e precedenti, dopo il primo febbraio 2020; Windows Phone 8.0 e versioni precedenti, dopo il 31 dicembre 2017; BlackBerry OS e BlackBerry 10, dopo il 31 dicembre 2017; Nokia Symbian S60, dopo il 30 giugno 2017; Nokia S40, dopo il 31 dicembre 2018. Questi dispositivi si aggiungono ai già noti iPhone 3GS con iOS 6 e cellulari basati su Android 2.1 e Android 2.2,  BlackBerry OS e BlackBerry 10, Windows Phone 7, Nokia Symbian S60, Nokia S40.

Come comunicato espressamente da WhatsApp, dal momento che non svilupperanno più attivamente su queste piattaforme, alcune funzionalità potrebbero smettere di funzionare in qualsiasi momento. E a proposito di aggiornamenti, gli utenti sono adesso alle prese con il nuovo modo di registrare e inviare messaggi vocali. Se fino a questo momento occorreva tenere premuta l’icona del microfono per tutta la durata della registrazione, adesso lo sforzo è minore e le possibilità di sbagliare ovvero interrompere involontariamente la registrazione decisamente minore. Basta infatti fare una sola volta tap sul microfono e scorrere verso l’alto senza continuare a toccare il display.

Chi ha testato su iPhone la novità della differente modalità di registrazione dei messaggi vocali ha però lamentato qualche problema di troppo. C’è chi fa notare che su iPhone 7 Plus al termine della procedura deve tornare indietro premendo la freccia in alto a sinistra. Peccato solo che non arriva alla home di WhatsApp, ma scorre tutta la conversazione fin dal principio. E a grande velocità. Un altro utente lamenta che mentre utilizza WhatsApp tutte le notifiche di nuovi messaggi ricevuti appaiono come sul blocco schermo una per una, interrompendo la scrittura o la registrazione dei messaggi vocali. E c’è chi si domanda le ragioni per cui se su iPhone suona la sveglia, si riceve una chiamata o si stacca il caricabatterie viene interrotta la registrazione.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 4 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome