WhatsApp contratto

WhatsApp è il software di messaggistica istantanea più utilizzato. Permette di scambiare messaggi di testo, video e immagini con altri utenti che hanno scaricato l’applicazione. È completamente gratuito e richiede di creare un account per poi aggiungere il tuo numero di telefono da confermare dopo aver ricevuto un codice. Una volta connesso, l’utente vedere apparire tutti i tuoi contatti che hanno l’applicazione e non è necessario aggiungerli uno per uno.

Da quel momento in poi, è possibile iniziare a inviare messaggi. Di qualunque tipo, anche relativi alla proposta di sottoscrizione di un contratto. Ci domandiamo allora se questa modalità di comunicazione è considerata legalmente valida. Come è facile immaginare, sulla questione si è già espressa la giustizia italiana.

Contratto via WhatsApp, è valido o no

WhatsApp è un’applicazione che consente agli utenti di comunicare tra loro su dispositivi mobili utilizzando la crittografia end-to-end. Gli utenti possono chattare online in modo sicuro o chiamarsi a vicenda, inviare file a vicenda o partecipare a conversazioni di gruppo. Sebbene WhatsApp utilizzi i numeri di telefono come contatti, chiamate e messaggi utilizzano effettivamente la connessione dati.

Di conseguenza le due persone che conversano devono poter accedere a Internet con il proprio dispositivo mobile. WhatsApp è di proprietà di Facebook. L’app stessa è un software closed-source, il che significa che è difficile per gli esperti esterni confermare che l’azienda ha implementato la crittografia in modo sicuro. Tuttavia, i metodi utilizzati da WhatsApp per inviare messaggi crittografati sono pubblici e ritenuti sicuri.

La tendenza è estremamente chiara e sempre più tribunali stanno riconoscendo alle chat WhatsApp il valore di prova. In fondo si tratta di un modo di comunicare sempre più diffuso che si è prepotentemente affiancato alle modalità tradizionali ovvero alla scrittura privata. A tal punto che anche un contratto può essere valido se stipulato su WhatsApp o altra chat online. La condizione richiesta è la chiarezza della conversazione ovvero l’assenza di incertezze interpretative.

Funzionamento WhatsApp e sua validità

Non c’è limite in termini di quantità di dati inviati con WhatsApp. Gli utenti possono trasferire e condividere file di grandi dimensioni come foto o video, ma anche contratti e documenti di ogni tipo. Con WhatsApp non ci sono problemi di compatibilità tra i messaggi. Con l’applicazione è possibile scambiare messaggi ed effettuare chiamate gratuite.

I gruppi di discussione permettono di creare conversazioni con più persone. Ideale per scambi tra amici o tra colleghi di lavoro. WhatsApp fornisce ancora la crittografia end-to-end che assicura che un messaggio venga trasformato in un messaggio segreto dal suo mittente originale e decodificato solo dal suo destinatario finale.

Di interessante ci sono anche le raccomandazioni della stessa WhatsApp sull’utilizzo del software. Ad esempio di inviare messaggi solo alle persone che hanno contattato per prime o hanno chiesto di essere contattate su WhatsApp. Allo stesso tempo, serve il permesso dei contatti prima di aggiungerli a un gruppo. Chi è un amministratore può decidere se tutti i partecipanti o solo gli amministratori del gruppo possono inviare messaggi.

L’utilizzo di questa funzione può aiutare a limitare il numero di messaggi di spam nei gruppi. Non inviare messaggi in blocco, messaggi automatici o chiamate automatizzate su WhatsApp. WhatsApp utilizza sia la tecnologia di apprendimento automatico che la segnalazione degli utenti per rilevare e vietare gli account che inviano messaggi automatici indesiderati.

D’altra parte, non creare gruppi o account in modo automatizzato o non autorizzato e non utilizzare versioni modificate di WhatsApp. E poi, non condividere i numeri di telefono senza consenso e non utilizzare i dati ottenuti da fonti illecite per inviare messaggi agli utenti su WhatsApp o aggiungerli ai gruppi.

Articolo precedenteDal file auto al testo scritto, app e soluzioni
Prossimo articoloAlexa, come cancellare i comandi registrati dell’assistente vocale di Amazon

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome