Ingegnere psicologo-cercasi in vista dei futuri aggiornamenti del nuovo sistema operativo iOS 11. E andando ben oltre la coppia di smartphone iPhone 8 e iPhone 8 Plus, di imminente uscita, e di iPhone X, in vendita solo a novembre, ma con il concreto rischio di non poter mettere le mani sul device prima del prossimo anno. Obiettivo: umanizzare l’assistente vocale Siri che in futuro potrà forse dare consigli e assistenza psicologica. È questa la strada che sembra voler imboccare Apple: sul suo sito ha pubblicato un annuncio di lavoro per migliorare l’assistente digitale chiedendo esperienza in computer science, Intelligenza artificiale, dati, ma anche conoscenze nel campo della psicologia o della consulenza psicologica.

«Cerchiamo persone in grado di trasformare i dati in modelli intelligenti che porteranno Siri al livello successivo», scrive Apple nell’annuncio di lavoro per un Siri Software Engineer, Health and Wellness che contribuirà a creare tecnologie all’avanguardia, per sistemi su larga scala che usano linguaggio parlato, big data e intelligenza artificiale. «Le persone hanno conversazioni serie con Siri. Parlano di tutto, dalle cose serie alle giornate particolarmente stressanti. Chiedono aiuto durante le emergenze o quando vogliono indicazioni per una vita più sana», spiega ancora Apple. Siri è stato interpellato più volte nelle emergenze e in passato è stato anche impostato in modo da dare indicazioni utili sui centri di prevenzioni suicidi negli Stati Uniti.

Senza contare che la società di Cupertino è sempre più interessata al settore salute con una piattaforma e una app ad hoc. Questa offerta di lavoro lascia però presagire da parte di Apple un interesse a portare l’assistente virtuale a un livello superiore, più emozionale. E subito viene alla mente il film Lei in cui il protagonista inizia un intenso scambio quotidiano con il sistema operativo del suo computer fino a innamorarsene. Molti ricercatori pensano che la prossima rivoluzione arriverà proprio dall’Intelligenza artificiale e dal machine learning e stanno studiando meccanismi e tecniche di riconoscimento vocale, reti neurali, algoritmi per il riconoscimento delle immagini e tanto altro ancora. E i risultati si possono già toccare con mano.

Facebook, Tesla e l’intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale già compone musica e dipinge quadri, vince al tavolo da gioco barando come un uomo, sta imparando a sorridere e ad imitare espressioni del nostro viso. Insomma si è già umanizzata e la crescita esponenziale delle sue possibili applicazioni nella vita reale ha fatto già nascere scuole di pensiero opposte: per il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, l’intelligenza artificiale migliorerà le nostre vite mentre secondo il patron di Tesla, Elon Musk, potrebbe scatenare la terza guerra mondiale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome