OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Via libera alla possibilità di provare tutte le novità sviluppate da Apple nell’aggiornamento di sistema operativo macOS High Sierra. Apple ha infatto messo a disposizione una release beta pubblica compatibile con i MacBook e gli iMac di fine 2009 e successivi, con tutti i MacBook Air, MacBook Pro, Mac mini, Mac Pro dal 2010 e successivi. Il software è gratuitamente scaricabile e installabile, ben coscienti che, essendo una versione di prova, è soggetta a instabilità e problemi di varia natura. Per farsi un’idea del lavoro di Cupertino, magari su un Mac secondario, occorre iscriversi al programma Apple Beta Software collegando in questa pagina, autenticarsi con il proprio Apple ID, fare clic sulla voce “Enroll your devices” e selezionare la tab macOS.

L’aggiornamento interviene su più fronti, dal comparto foto alla navigazione sul web fino all’esplorazione della realtà virtuale sul Mac, dalla velocità di copia e spostamento di file al miglioramento della privacy, assicurando un’ampia compatibilità. Tra le tante novità, macOS High Sierra porta con sé l’Apple File System che assicura prestazioni migliorate, sicurezza e affidabilità dei dati. Si tratta di un’architettura evoluta ottimizzata per le tecnologie di archiviazione, che rende praticamente immediate operazioni comuni come la copia di file e directory, protegge i dati in caso di interruzioni di corrente e crash del sistema, e tiene al sicuro i file proteggendoli con la crittografia nativa.

MacOS High Sierra promette la massima compatibilità sia in scrittura sia in lettura con i dati e le unità HFS già formattate ed è pensato per le future evoluzioni nelle tecnologie di archiviazione. Non sfuggono gli interventi sul browser Safari che può usare automaticamente Reader per aprire gli articoli mentre Autoplay Blocking impedisce che i file multimediali con audio vengano riprodotti in automatico nel programma di navigazione. Ecco poi l’implementazione di Intelligent Tracking Prevention in Safari con MacOS High Sierra. Sfrutta l’apprendimento automatico per individuare e rimuovere i dati usati dagli inserzionisti per seguire l’attività degli utenti sul web.

Gli sviluppatori di Cupertino hanno poi reso più efficiente la ricerca in Mail: fornisce adesso i risultati più rilevanti in cima all’elenco dei messaggi dell’utente. Per la prima volta macOS High Sierra supporta la realtà virtuale. Gli sviluppatori possono creare sul Mac giochi e contenuti 3D e VR. Già avviate partnership con aziende del settore per portare sul Mac nuove funzioni di realtà virtuale. Valve sta ottimizzando la propria piattaforma SteamVR per macOS e sta rendendo possibile il collegamento del visore HTC Vive, mentre Unity ed Epic stanno portando su macOS i loro strumenti di sviluppo VR. Sempre nel corso dell’anno, Final Cut Pro X aggiungerà la compatibilità con i flussi di lavoro professionali a 360° gradi e la possibilità di importare, montare ed esportare i relativi video.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome