Grandi movimenti si vedono all’orizzonte sul terreno televisivo e dello streaming. Stando a quanto riferito da Cnbc citando fonti anonime, Disney sarebbe in trattativa con 21st Century Fox per acquistare la maggior parte del gruppo. Siamo nella fase preliminare ovvero della manifestazione di interesse e non è affatto scontato che tali negoziazioni porteranno a un accordo tra le parti. Non è chiaro se i colloqui riprenderanno e per ora non c’è né un offerta né un prezzo di massima.  Tuttavia qualcosa si è mosso e le grandi manovre destinate ad assestare un colpo rivoluzionario sono aumentate. Le discussioni si sono svolte nelle scorse settimane e prevedono che il gruppo di Rupert Murdoch mantenga il controllo del network televisivo di news Fox e della divisione sportiva.

Tutto il resto invece andrebbe nelle mani di Disney, che in questo modo avrebbe la casa di produzione cinematografica 21st Century Fox, ma anche tutta la produzione TV, compreso Sky e i canali FX e National Geographic. Fox sta cercando di concentrarsi solo sul mondo delle news, in un momento difficile per la produzione cinematografica, vista la competizione portata da Netflix, Amazon, e anche per i media per via dell’arrivo di Facebook e Google. Le ripercussioni in Borsa a Wall Street sono state naturalmente immediate.

Talent Garden entra nel team di Google

Talent Garden, la piattaforma europea per i talenti del digitale, entra nel network internazionale di Google for Entrepreneurs, la divisione Google dedicata a formare e connettere imprenditori innovativi e start up. Talent Garden è nata nel 2011 a Brescia e conta 1.500 membri tra start up, freelance e aziende, che hanno a disposizione 18 campus in Europa.

Chip Qualcomm: c’è l’offerta di Broadcom

La prima offerta di Qualcomm per l’acquisizione dei chip Qualcomm è già arrivata: 70 dollari per azione, 130 miliardi compreso il debito della preda, un premio del 28 per cento rispetto al valore pre-Opa. Non sembra sufficiente, anche perché il suo titolo negli ultimi mesi è stato depresso dalla serie di dispute legali, tra cui quella con l’ex miglior cliente Apple. Qualcomm ha un ricco portafoglio di brevetti, a cominciare dai modem che consentono a smartphone e affini di connettersi. Prodotto chiave per un domani di oggetti connessi e reti 5G. Il settore dei chip si consolida veloce, la stessa Qualcomm aspetta di chiudere l’acquisizione dell’europea Nxp. Ecco perché l’affare Broadcom, creando un colosso da 50 miliardi di fatturato, porrebbe serie incognite antitrust, ma va trovato il prezzo giusto.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome