Le vendite dei dispositivi tecnologici, come computer, tablet e smartphone, dal Samsung Galaxy S8 al Huawei P10, dall’LG G6 all’iPhone 8 e al Samsung Galaxy Note 8 che saranno, potrebbero rallentare quest’anno, per la prima volta dopo molti anni. Secondo le previsioni del popolare analista Gartner, nel 2017 gli acquisti di terminali, tra fissi e mobile, si assesterà 2,3 miliardi di pezzi, vale a dire lo 0,3% in meno rispetto all’anno scorso. A calare sarà soprattutto la domanda di PC, con vendite a livello globale viste in calo del 3%, mentre solo gli smartphone continueranno a trainare il settore con vendite complessive previste in crescita del 5%.

Sono in chiaroscuro anche le prospettive di tablet, notebook e ibridi ovvero quei dispositivi 2-in-1, in grado di adattarsi alle differenti esigenze. Tuttavia l’attivismo dei produttori è stato evidente anche nei primi 6 mesi dell’anno. La società cinese Huawei è stata l’ultima a rinnovare la sua offerta di prodotti, lanciando una tavoletta multimediale e due notebook. Si tratta dei nuovi MateBook, tutti basati su sistema operativo Windows 10. Un tablet 2 in 1, il MateBook E, e due notebook, i modelli X e D. A breve sarà disponibile in Italia il notebook X, con schermo da 13 pollici e scocca sottile: appena 12,5 millimetri di spessore. Dotato di processore Intel di settima generazione e lettore di impronte digitali sul tasto di accensione, MateBook X promette di essere un valido sfidante del MacBook Pro di Apple. Il secondo prodotto ad arrivare nei negozi italiani a fine giugno è il tablet, caratterizzato da schermo grande da 12 pollici, tastiera Folio e pennino MatePen. Il secondo notebook, invece, il modello di fascia alta D, che non è destinato al mercato italiano.

Microsoft scommette sulla Xbox One X, pronta a novembre

La nuova console targata Microsoft si chiama Xbox One X e arriverà sugli scaffali dei negozi a novembre, al prezzo di 499 euro, cento euro in più rispetto alla rivale PlayStation 4 Pro. Come si giustifica un prezzo al pubblico così elevato? Xbox One X vanta il più potente processore mai montato su una console da salotto, e in generale le sue specifiche hardware sono tali da lasciare a bocca aperta. Andando infatti a spulciare nella scheda, viene fuori la dotazione con otto core custom x86 a 2,3 GHz, GPU da 6 Teraflop, risoluzione nativa 4k (otto milioni di pixel), 12 GB di RAM di tipo DDR5 e memoria di banda pari a 326 GB al secondo.

Xbox One X, che prima della sua presentazione ufficiale in occasione della fiera del mondo videoludico E3 di Los Angeles, era conosciuta con il nome di Project Scorpio, garantisce una potenza complessiva quattro volte superiore rispetto al modello precedente ovvero alla classica Xbox One. Nei prossimi mesi, oltre alla nuova console, Microsoft ha promesso l’uscita di numerosi titoli (sia in 4K sia a risoluzione inferiore) che potranno essere giocati sulla nuova console come sui modelli più vecchi, anche da chi non possiede un televisore Ultra HD. Parliamo di 42 videogiochi, dei quali 22 sono un’esclusiva per il mondo Xbox. Tra questi vale la pena ricordare Forza Motorsport, Metro Exodus e Assassin’s Creed Origin.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome