Ad annunciarlo in maniera chiara e inequivocabile è stata la stessa Microsoft: Windows 7 non è più supportato. Significa che tutti i PC su cui è installato diventano più vulnerabili a virus e malware a causa dell’assenza di aggiornamenti di sicurezza e software e alla mancanza di supporto tecnico.

Senza dubbio il passaggio a un nuovo sistema operativo, in questo caso Windows 10, comporterà un miglioramento delle prestazioni, l’introduzione di nuove funzionalità e la fine di alcune stranezze che hanno fatto la propria comparsa su Windows 7 nel corso degli anni. Il problema è che un computer configurato per eseguire Windows 7 potrebbe non essere abbastanza potente per gestire Windows 10.

Il passaggio a Windows 10 è consigliato dalla stessa Microsoft sia per fruire delle ultime funzionalità di sicurezza e sia per la protezione contro software dannosi. Il punto è che la migrazione non è così rapida perché occorre tenere conto della necessità di aggiornare le applicazioni e i programmi, trasferire i file, riconfigurare browser e segnalibri e prendere confidenza con le nuove funzionalità. Insomma, sia per utenti privati e sia per aziende significa investire tempo e risorse per far funzionare un PC.

Novità anche con l’aggiornamento Windows 10

L’ultimo aggiornamento di Windows 10 porta invece in dote una serie di aggiustamenti e una migliore stabilità. Per effettuare il download occorre andare su Impostazioni, selezionare Aggiornamento e Sicurezza e poi Windows Update. Cliccando su Controlla Aggiornamenti è disponibile la più recente interazione sviluppata dalla società di Redmond.

Le novità più importanti riguardano l’interfaccia che gestisce il Centro Notifiche e la funzione di ricerca di Esplora File, estesa e integrata con il servizio cloud OneDrive. La pagina di configurazione delle notifiche delle app è stata ridisegnata, mentre il calendario e il pannello di navigazione sono stati modificati.

La schermata del calendario ha una nuova funzione: è possibile creare un evento senza essere aprire la medesima applicazione. Altri miglioramenti riguardano il menu Start mentre il pannello laterale si espande in automatico passandoci sopra con il mouse. Microsoft ha aggiunto l’attivazione degli assistenti virtuali di terze parti dalla schermata di blocco.

L’aggiornamento 1909 migliora Windows 10 anche in termini di prestazioni, anche se non in maniera molto evidente. Vale la pena ricordare che la multinazionale di Redmond ha pubblicato anche il Patch Tuesday ovvero l’update dedicato alla sicurezza. Sono state infatti scoperte ed eliminate ben 74 vulnerabilità identificate in Windows 10.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome