Windows 10X è il nuovo sistema operativo sviluppato per supportare dispositivi con doppio display. Mentre Google con Android e i suoi produttori di smartphone hanno realizzato terminali con schermi pieghevoli (pensiamo soprattutto al nuovo Samsung Galaxy Fold), Microsoft ha affrontato la questione da un altro punto di vista ovvero ha pensato a dispositivi con doppio display ovvero due schermi separati che lavorano insieme.

Le idee possono sembrare simili, ma Android è stato progettato per funzionare innanzitutto su uno smartphone ed è una delle ragioni per cui esistono poche app per tablet. Ed è anche il motivo per cui Android fa fatica ad adattarsi ai dispositivi con display più grandi.

Windows 10X, le novità

Qui entrano in gioco i dispositivi con display pieghevoli: l’unico dispositivo che è stato lanciato finora è il Samsung Galaxy Fold con tutto il carico di incertezze che porta con sé. Mentre la tecnologia Oled flessibile non è ancora pronta per l’uso quotidiano, l’idea di Microsoft di utilizzare due display rivestiti in vetro così da mettere a disposizione un’alternativa già pronta per gli smartphone attuali.

Con Windows, Microsoft ha lavorato a lungo con desktop e tablet (Surface 2 in 1) e quindi sa come lavorare con schermi più grandi come i tablet. Ecco perché Windows 10X, creato per dispositivi con display più grandi, è in grado di eseguire due app contemporaneamente su due schermi.

L’obiettivo della società di Redmond con Windows 10X è rendere le app accessibili in ogni momento e da qualsiasi postazione. Il software consente alle app di funzionare in diverse modalità, utilizzando uno schermo per ciascuna attività (pensiamo ad esempio alla visione di un film su Netflix e alla contemporanea scrittura di una mail) o anche di far scorrere una lunga pagina web da uno schermo all’altro.

E tutte queste modifiche dipendono dal numero di schermi utilizzati in quel momento e da come si tiene in mano un dispositivo a doppio display. Surface Neo di Microsoft non sarà l’unico dispositivo pieghevole che utilizza Windows 10X perché il sistema operativo sarà disponibile su ben altri PC a doppio schermo e pieghevoli di produttori come Asus, Dell, HP e Lenovo.

Come spiegato da Microsoft, le persone si aspettano più flessibilità dai propri PC, vogliono dispositivi che siano performanti, altamente flessibili, compatibili e funzionali in un form factor semplice, elegante e sempre più portatile. E ancora: Windows 10X si unisce alla famiglia grazie agli ultimi investimenti in queste tecnologie condivise che includono il nuovo supporto al funzionamento dei software Win32 all’interno di un container.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome