Non si tratta di un aggiornamento qualunque perché quello che sale a bordo dei nuovi Pixel 4 si rivela particolarmente interessante. Google ha infatti rilasciato l’update di sistema operativo di dicembre 2019 che risolve un bel po’ di problemi. Il nuovo Android sistema il comparto audio con riferimento a Spotify e l’acquisizione della voce con le applicazioni fotocamera di terze parti.

Il software corregge quindi il bug relativo alla perdita delle informazioni nel collegamento con un dispositivo Bluetooth e all’impossibilità di connettersi con i dispositivi Garmin di nuova generazione. Risolto anche il fastidioso problema dello sfarfallio di alcuni display di vari Pixel 4 così come è stata migliorata la calibrazione dei sensori.

Quali novità con Google Pixel 4 e Pixel 4 XL

Google Pixel 4 e Pixel 4 XL (display Oled da 5,7 pollici con risoluzione Full HD+ per il primo, da 6,3 pollici Oled con risoluzione QHD+ per il secondo) sono alimentati dal SoC Qualcomm Snapdragon 855, affiancato da 6 GB di memoria RAM LPDDR4x. Fanno quindi bella mostra di sé una doppia fotocamera posteriore da 12 megapixel con stabilizzatore ottico dell’immagine e apertura f/1,7 e pixel da 1,4 micron, affiancata da una 16 megapixel con apertura f/2,4, pixel da 1 micron e stabilizzatore ottico dell’immagine.

Un’altra novità implementata dal Google è il Motion Gesture con cui usare l’onda della mano per controllare il cellulare e attivare funzioni come saltare brani, scegliere la suoneria silenziare le chiamate. A quanto pare è il primo smartphone a incorporare un sensore radar. Google ha annunciato diverse funzioni della fotocamera, tra cui Live HDR+ con controllo a doppia esposizione per la luminosità e il contrasto dell’immagine.

Il bilanciamento del bianco basato sull’apprendimento automatico regola in modo intelligente migliora la qualità della foto. I ritratti ora hanno una gamma più ampia e Night Sight è stato aggiornato per scatti a lunga esposizione: la chiamano astrofotografia. Gli utenti di Pixel 4 hanno anche tre mesi di spazio di archiviazione cloud di 100 GB su Google One. I device sono naturalmente equipaggiati con Android 10 e sono i primi a ricevere aggiornamenti di sicurezza mensili per un massimo di tre anni.

Per una maggiore sicurezza, il dispositivo viene fornito con il chip Titan M realizzato dell’azienda di Mountain View. A bordo c’è spazio per doppi altoparlanti stereo frontali. Google Pixel 4 e Pixel 4 XL esibiscono quindi la protezione IP68 da polvere e acqua. Disponibile solo in due varianti di archiviazione da 64 GB o 128 GB, entrambi i dispositivi hanno tre varianti di colore tra cui Just Black, Clearly White e Oh So Orange tra cui scegliere.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome