Normal, le cuffie in-ear su misura
Attraverso un'app, Normal crea le cuffie su misura perfette per i propri clienti

A volte l’universo dei makers vira verso l’eccesso. Ora, ci sono alcuni di loro che, usando le stampanti 3D, creano qualsiasi cosa, compresi degli auricolari. Infatti, la startup Normal ha deciso di usare lo strumento principe dell’artigianato digitale per realizzare un concept particolarissimo: cuffie in-ear personalizzate. Lo speaker della cuffia, così, andrà ad inserirsi alla perfezione nel padiglione auricolare dell’utente che, prima di ordinare le cuffie, avrà scattato due foto del viso attraverso un’app per smartphone Android e iOs.

L’applicazione

Il funzionamento dell‘app è semplice, ma non semplicissimo: le foto del volto non saranno frontali, ma di profilo. Non solo, all’utente viene richiesto di premere, a fianco dell’orecchio, una una moneta (l’esempio suggerisce un quarto di dollaro) che farà da punto di riferimento per dimensionare la cuffia che, comunque, non sarà gratis, ma costerà  199 dollari (circa 146 euro). Tramite l’app, una volta scattata la foto, sarà possibile personalizzare le cuffie in ogni loro aspetto. Tra gli optional più sfiziosi, anche un’incisione al laser.

Personalizzabili e spediti in 48 h

I vantaggi dovrebbero essere evidenti: un auricolare su misura dovrebbe essere migliore di quello fornito dai produttori dello smartphone. C’è anche la possibilità di scegliere un cavo da 113 cm oda  162,5 cm. La spedizione, per quanto riguarda gli Usa, avverrà entro 48 ore dal momento dell’ordine e segue la formula del “soddisfatti e rimborsati”. Addirittura, chi di un altro paio di auricolari Normal.

Le “vecchie” cuffie su misura

Le cuffie su misura non sono una novità. Invece di crearle con la stampante 3D, una volta le cuffie venivano realizzate con realizzazione è poco pratica: previo appuntamento, un dottore inietta del silicone all’interno dell’orecchio del potenziale cliente. Normal promette cuffie a costi, secondo loro, più contenuti di quanto non permettesse la vecchia procedura al silicone. Ma valgono davvero 199 dollari?