Affare fatto. Semaforo verde dalla Commissione europea all’acquisizione da parte di Apple di Shazam, la società britannica alla quale si deve lo sviluppo dell’applicazione che permette di riconoscere i brani musicali attraverso il cellulare. L’investigazione dell’Antitrust comunitario, avviata in seguito a una richiesta avanzata da Austria, Francia, Islanda, Norvegia, Italia, Spagna e Svezia, ha concluso che le due aziende offrono principalmente servizi complementari e non sono in competizione tra loro. «I dati sono la chiave nell’economia digitale. Dobbiamo quindi valutare con attenzione le transazioni che portano all’acquisizione di set di dati importanti, inclusi quelli potenzialmente sensibili a livello commerciale», osserva la commissaria Margrethe Vestager.

Apple-Shazam: matrimonio tormentato

La Commissione europea aveva aperto un’indagine sulla proposta di acquisizione di Shazam da parte di Apple. L’organismo comunitario temeva che, in seguito alla acquisizione di Shazam, Apple si trovasse a disporre di dati commercialmente sensibili relativi ai clienti dei suoi (ex) rivali, per quanto riguarda la fornitura di servizi di streaming musicale nello spazio economico europeo. Dati che le avrebbero permesso di puntare direttamente su questi utenti, incoraggiandoli a passare al suo servizio Apple Music. Bruxelles si è mossa dopo una lettera di Austria, Francia, Islanda, Italia, Norvegia, Spagna e Svezia. Il verdetto entro l’inizio di settembre.

La Commissione temeva che l’operazione potesse avere una incidenza negativa sulla concorrenza all’interno dello Spazio economico europeo. La proposta di acquisizione di Shazam, l’app di riconoscimento musicale, non raggiungeva le soglie di fatturato fissate dal regolamento europeo sulle fusioni. Apple ha notificato l’acquisizione solo in Austria, dove l’operazione tocca la soglia nazionale prevista per la notifica. L’Austria, invocando il regolamento europeo sulle concentrazioni, aveva chiesto alla Commissione di intervenire e al suo appello si sono poi unite alla richiesta sei altre nazioni, tra cui l’Italia.

Dalla sua fondazione nel 1999, Shazam propone una soluzione innovativa per l’ascolto di musica. L’app è stata una delle prime a essere disponibile sull’App Store già nel 2008, ma esisteva da prima. Nel 2002 bastava digitare “2580” sul telefono e tenerlo vicino alla musica: gli utenti ricevevano un messaggio in cui c’erano indicazioni sul titolo della canzone e il nome dell’artista. Poi è stata ampliata per consentire di cercare programmi tv, informazioni e offerte sulla pubblicità. La multinazionale di Cupertino, che in precedenza aveva rivoluzionato la musica online con iTunes, nel 2015 ha lanciato Apple Music offrendo un ascolto on demand illimitato. Ma non c’è solo Apple a muoversi su questo mercato con la mega acquisizione di Shazam. YouTube, la piattaforma di condivisione video, si prepara infatti a lanciare un servizio di musica in streaming a marzo per competere con Spotify e Apple.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome