resoundhearingaids
LiNX il nuovissimo apparecchio acustico di ReSound che dialoga direttamente con iPhone

Nella giungla di nuovi prodotti tecnologici ci sono alcuni device che vengono magari poco considerati e invece meritano attenzione perché davvero migliorano la qualità della vita come ad esempio gli apparecchi acustici per chi è affetto da ipoacusia. ReSound LiNX, presentato all’IFA di Berlino, è un dispositivo wireless davvero interessante.

Un dispositivo moderno per una esperienza d’ascolto totalmente nuova

LiNX, il più piccolo dispositivo della ReSound, promette un nuovo tipo di esperienza d’ascolto e viene definito dall’azienda come l’apparecchio acustico più intelligente al mondo con connessione diretta a iPod, iPhone e iPad. La promessa è quella di una migliore comprensione del parlato unita a suoni di qualità stereo inviati in streaming direttamente all’apparecchio dai device Apple, infatti se hai un apparecchio acustico ReSound Made for iPhone, puoi usare l’app ReSound Smart per personalizzare la tua esperienza acustica in base alle tue preferenze. Inoltre in modo facile, discreto, e direttamente dal tuo iPhone puoi regolare i segnali in modo da bilanciare correttamente i suoni che tua sia ad un concerto o che tu stia conversando con gli amici.

Design accattivante e moderno

RS_LN61_Thin_dome_Line_Up-large
Una ampia gamma colori di ReSound LiNX, con un design moderno e discreto

Anche il design di LiNX è davvero accattivante e moderno, senza per questo diventare delicato o fragile, al contrario è robusto e idrorepellente per poterlo indossare durante qualunque attività. ReSound LiNX è infatti un apparecchio mini RIE. Si indossa facilmente dietro all’orecchio con un tubicino sottile che si avvolge in modo discreto sul davanti e termina con un piccolo auricolare all’interno del canale uditivo.

La diminuzione dell’udito, un fenomeno in aumento

La perdita dell’udito non riguarda solo chi sta diventando o è gia sordo, è al contrario un fenomeno che interesserà un numero sempre crescente di persone nel futuro direttamente o indirettamente, secondo uno studio ci sono oggi 360 milioni di persone che hanno a che fare con la diminuzione dell’udito destinate a diventare 900 milioni nei prossimi 10 anni. Questo a causa di diversi motivi, dall’ascolto di musica su device privi di restrizioni sul volume all’eccessivo rumore ambientale del mondo industrializzato.