Al via la sperimentazione del 5G a Milano. L’innovazione che vede protagonista la città meneghina e l’area metropolitana ruota attorno al know how di Vodafone. L’operatore si è infatti aggiudicato il bando pubblico indetto dal Ministero dello Sviluppo Economico, che ha messo sul tavolo oltre 90 milioni di euro di investimenti per l’80% di copertura entro il 2018 e totale entro il 2019, e lavorerà insieme al Politecnico di Milano e altri 28 partner con il sostengo di Comune di Milano, Regione Lombardia e Città Metropolitana. La presentazione della sperimentazione del 5G a Milano è stata l’occasione per presentare alcuni progetti concreti:

  • Ambulanza connessa e Sistemi di analisi e consulto medico da remoto: sarà possibile gestire tempestivamente, sia da remoto sia durante il trasporto in ospedale, situazioni di emergenza critiche per le quali la possibilità di condividere parametri vitali insieme a immagini ad alta risoluzione in tempo reale è fondamentale.
  • Droni per riprese aeree di sicurezza: la capacità del 5G di gestire una grande mole di dati video ad alta risoluzione e in tempo reale s’integra alla flessibilità di utilizzo dei droni al servizio della sicurezza sul territorio.
  • Robot per agricoltura di precisione: uso consapevole e efficiente delle risorse globali (acqua in primis) e impatto green in generale, grazie a una modalità più intelligente e mirata di fare agricoltura.
  • Turismo 4.0: estensione dell’esperienza del turista in visita o del cittadino alla scoperta della propria città attraverso l’uso della Realtà Aumentata per scoprire, in mobilità e in modo “immersivo”, prospettive nuove o storiche del patrimonio artistico.
  • Urban cross traffic cooperativo: aumento della sicurezza della mobilità grazie a una sostanziale “estensione” del raggio di visione di chi guida e il potenziale miglioramento delle performance dei sistemi di sicurezza anticollisione realizzati attraverso l’acquisizione, tramite sensori sui veicoli stessi e sulle infrastrutture stradali, di dati sui veicoli in avvicinamento e le condizioni stradali.

Premio innovazione a due start-up italiane

Sono state premiate le start-up selezionate nell’ambito dell’IH Fellowship on Ocean Cleanup, il primo contest realizzato in Italia dedicato a progetto d’innovazione per diminuire l’impatto dei rifiuti o dell’inquinamento off-shore, costiero e subacqueo delle acque salate. L’iniziativa è stata organizzata da Impact Hub Milano, l’incubatore d’impresa focalizzato sull’innovazione sociale e ambientale, insieme al Wwf. L’associazione ambientalista ha definito i principi di Suistainable blue economy ossia un modello di business a livello globale dedicato alla creazione di un ecosistema sostenibile che si basa sull’imitazione dei sistemi naturali di cui il mare è una delle componenti fondamentali.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome