C’è una piacevole novità che il nuovo aggiornamento 11.6.0 di Shazam, l’app per il riconoscimento delle canzoni, porta con sé. Si tratta del suo utilizzo anche senza la connessione web. Tutti avviene offline. Il funzionamento è semplice: toccando il solito pulsante blu al centro della schermata, l’app registra la richiesta e quando lo smartphone – sia esso un iPhone o un device equipaggiato con sistema operativo Android – torna di nuovo online, riceverà una notifica con tutte le informazioni ovvero nome dell’artista, titolo del brano musica e album dal quale è estratto. Tutto molto comodo e rapido. L’update di Shazam è naturalmente installabile e scaricabile senza alcun costo.

Il tutto avviene a pochissimi giorni dall’acquisizione di Shazam da parte della stessa Apple con (anche) l’obiettivo di competere con Spotify. Dalla sua fondazione nel 1999, Shazam propone una soluzione innovativa per l’ascolto di musica. L’app è stata una delle prime a essere disponibile sull’App Store, già nel 2008, ma esisteva da prima. Nel 2002 bastava digitare “2580” sul telefono e tenerlo vicino alla musica: gli utenti ricevevano un messaggio in cui c’erano indicazioni sul titolo della canzone e il nome dell’artista. Poi è stata ampliata per consentire di cercare programmi tv, informazioni e offerte sulla pubblicità.

La multinazionale di Cupertino, che in precedenza aveva rivoluzionato la musica online con iTunes, nel 2015 ha lanciato Apple Music offrendo un ascolto on demand illimitato. Gli obiettivi? Prima di tutto una maggiore integrazione con Apple Music, per offrire servizi aggiuntivi sulla piattaforma di casa. Si attende poi una maggiore integrazione anche con Siri, l’assistente digitale dei sistemi operativi Apple. E c’è poi una terza motivazione: se l’azienda mela morsicata decidesse di spegnere l’app (mantenendo in vita la sua tecnologia sotto le insegne di Apple) priverebbe il concorrente Spotify degli accessi che arrivano sulla piattaforma passando da Shazam. Una mossa che potrebbe valere qualche centinaia di migliaia di accessi al giorno.

Il punto è che non c’è solo Apple a muoversi su questo mercato con la mega acquisizione di Shazam (la cifra dovrebbe aggirarsi intorno a 400 milioni di dollari) nonostante avesse già in dote iTunes e Apple Music. In prima fila c’è pure Google. YouTube, la piattaforma di condivisione video, si prepara infatti a lanciare un servizio di musica in streaming a marzo per competere con Spotify e Apple. Il servizio si chiamerebbe Remix e sembra includere non solo musica ma anche video.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome