Le app per smartphone facilitano davvero la vita. Pensiamo ad esempio alla possibilità di dire addio alle lunghe code in posta e alle perdite di tempo che ne derivano. Oltre a pagare nei negozi e nei ristoranti che accettano questa modalità, l’app Satispay permette ora di mettersi in regola con il bollo auto e con qualsiasi bollettino postale. Il nuovo servizio Bollettini consente infatti di pagarli tutti, dai bianchi ai premarcati, MAV e RAV compresi, dallo smartphone, in qualunque momento e dovunque siamo.

La facilità e la convenienza dei servizi proposti, oltre al cashback che permette di recuperare parte di quanto si spende nella maggior parte degli esercizi convenzionati, hanno permesso a Satispay di superare il mezzo milione di iscritti.

Come funziona Satispay 2019

Satispay è un servizio di mobile payment utilizzabile da chiunque abbia un conto corrente bancario per scambiare denaro con i propri contatti e pagare nei punti vendita ed ecommerce convenzionati con un tap sullo smartphone. Da alcuni mesi l’applicazione consente anche di comprare ricariche telefoniche e pagare multe, tasse, bolli e ticket sanitari grazie alla convenzione con PagoPa. L’azienda, nata dall’idea di tre trentenni, Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta, a oggi ha raccolto in tutto 37 milioni di euro in diversi round di finanziamento.

Satispay consente allora di pagare i nostri acquisti in tutti i negozi convenzionati, sia quelli fisici sia gli ecommerce online, e di scambiare denaro con amici e parenti. Per gli utenti privati non costa nulla. L’app, che possiamo scaricare sullo smartphone dal nostro market digitale sia esso il Play Store o il market di Apple, è gratis e compatibile con i sistemi iOS e Android.

Possiamo pagare qualsiasi importo, anche se inferiore a 10 euro. Per accedere a Satispay è sufficiente scaricare l’applicazione, essere maggiorenni e avere a disposizione un conto corrente bancario o una carta ricaricabile dotata di Iban. Le transazioni non hanno alcun costo aggiuntivo: si paga solo quello che si spende. Satispay guadagna grazie agli esercenti affiliati e ha poche spese, perché ha ridotto all’osso gli intermediari coinvolti nel processo.

Negozianti e commercianti che aderiscono al sistema versano una commissione fissa pari a 20 centesimi di euro per gli incassi di importo superiore a 10 euro, mentre non spendono nulla per cifre inferiori. Una volta scaricata l’app ci verrà chiesto di fornire un documento di identità, il codice fiscale e un Iban valido. Completata la procedura, dovremo attendere qualche giorno perché il sistema di pagamento Satispay si attivi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome