Si entra nel vivo della stagione autunnale con la programmazione Netflix per i mesi di settembre e ottobre 2017. La piattaforma per lo streaming da PC, smartphone e tablet, si affaccia sul mercato di film e serie TV con una lunga lista di titoli, la maggior in esclusiva, con cui fidelizzare gl abbonati e agganciare nuove sottoscrizioni. Entrando nel dettaglio, i film Netflix di settembre 2017 sono

  • 1 settembre – She’s Gotta Have It
  • 1 settembre – Il Calamaro E La Balena
  • 12 settembre – Everybody Loves Somebody
  • 23 settembre – Star Wars: Il Risveglio Della Forza
  • 23 settembre – Kill Bill : Vol. 2
  • 24 settembre – Crimson Peak
  • 30 settembre – G.I. Joe: La Nascita Dei Cobra
  • 30 settembre – L’ultimo Dominatore Dell’aria
  • 30 settembre – Cloverfield
  • 30 settembre – Watchmen
  • 30 settembre – Road Trip
  • 30 settembre – Jackass: Il Film
  • 30 settembre – Jackass 2
  • 30 settembre – Jackass 3

Capitolo serie TV su Netflix, trend sempre più ricercato, la programmazione in ordine di uscita prevede

  • 1 settembre: Vikings – Stagione 4
  • 1 settembre: West Coast Customs – Stagione 5
  • 1 settembre: Designated Survivor – Stagione 2
  • 1 settembre: Narcos – Stagione 3
  • 1 settembre: Final Fantasy Xiv Dad Of Light – Stagione 1
  • 1 settembre: Bojack Horseman – Stagione 4
  • 8 settembre: The Expanse – Stagione 2
  • 8 settembre: The Confession Tapes – Stagione 1
  • 14 settembre: White Gold – Stagione 1
  • 15 settembre: American Vandal – Stagione 1
  • 22 settembre: Le Amiche Di Mamma
  • 22 settembre: Jack Whitehall: Travels With My Father – Stagione 1
  • 25 settembre: Star Trek: Discovery – Stagione 1
  • 26 settembre: Terrace House: Aloha State
  • 27 settembre: Brooklyn Nine-Ninte – Stagione 3
  • 29 settembre: Shooter – Stagione 2
  • 29 settembre: Big Mouth – Stagione 1
  • 29 settembre: Real Rob – Stagione 2
  • 29 settembre: Club De Cuervos – Stagione 3
  • 29 settembre: Paul Hollywood’s Big Continental Road Trip – Stagione 1

A chiudere il cerchio delle novità ci sono i nuovi documentari Netflix, tra cui quello su Steve Jobs, co-fondatore Apple:

  • 1 settembre – Resurface
  • 1 settembre – Steve Jobs: The Man In The Machine
  • 3 settembre – Whitney: Can I Be Me
  • 8 settembre – Cacciatori Di Incendi – Stagione 1
  • 15 settembre – Strong Island
  • 15 settembre – Time: The Kalief Browder Story – Stagione 1
  • 15 settembre – Foo Fighters: Back And Forth
  • 15 settembre – George Harrison: Living In The Material World

E c’è anche la strage di Utoya, Norvegia

La strage di Utoya rivive su Netflix. Sarà il regista britannico Paul Greengrass a dirigere per la piattaforma di streaming un lungometraggio sugli attacchi del 22 luglio 2011 in Norvegia in cui morirono 77 persone. Il sito Deadline ha annunciato che il film verrà girato in Norvegia con attori scandinavi e con un budget di circa 20 milioni di dollari: sceneggiatore sarà lo stesso Greengrass, vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino nel 2002 per Bloody Sunday, sulla cosiddetta domenica di sangue, avvenuta nel 1972 a Derry, nell’Irlanda del Nord. Dopo aver scritto la sceneggiatura per un film sull’Ira, Omagh, dirige uno dei primi film dedicati ai fatti dell’11 settembre 2001, United 93, che racconta la ribellione dei passeggeri su uno dei voli dirottati e vale al regista la prima nomination come miglior regista agli Oscar. Nel 2007 esce The Bourne Ultimatum – Il ritorno dello sciacallo, che vince tre Oscar e che è stato, per molto tempo, l’ultimo film della saga diretto dal regista britannico.

Il 22 luglio 2011 Anders Behring Breivik, 32enne di estrema destra, piazzò un’autobomba nel quartiere residenziale di Oslo, di fronte al palazzo ospitante l’ufficio del primo ministro norvegese Jens Stoltenberg: l’esplosione causò 8 morti. Poco dopo sull’isola di Utoya, nel Tyrifjorden, Anders Behring Breivik, 32enne di estrema destra, aprì il fuoco sui partecipanti a un campus organizzato dalla sezione giovanile del Partito Laburista Norvegese: i morti furono 69. Arrestato sul posto, Breivik in tribunale affermò di avere compiuto gli atti per mandare un “messaggio forte al popolo, per fermare i danni del partito laburista” e per fermare una decostruzione della cultura norvegese per via dell’immigrazione in massa dei musulmani”. Il 24 agosto 2012 Breivik fu condannato a 21 anni di carcere ovvero la pena massima dell’ordinamento norvegese.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome