Startup
Photocredit: ninjamarketing.it

Nella giornata di ieri, il sito Business Insider ha stilato una lista delle 11 migliori startup italiane del momento: per chi non lo conoscesse, Business Insider analizza e fornisce notizie economiche e agisce come un aggregatore delle migliori news sul tema da tutto il web.

Nella classifica ci sono nomi più o meno conosciuti, anche se il termine startup può effettivamente andare stretto per alcune di loro, specialmente quelle che oramai sono hanno diversi anni alle spalle e con un giro d’affari considerevole, tanto da poter tranquillamente considerarle aziende ben avviate con una lunga strada davanti.

Le migliori startup italiane

Al primo posto troviamo Yoox, azienda leader nel settore della vendita di abbigliamento online, che può vantare filiali in tutto il mondo (la sede è alle porte di Bologna), quotata in borsa e con un’acquisizione appena conclusa di Net-a-Porter, principale competitor nel Regno Unito.

Subito sotto nella lista troviamo iubenda, startup il cui fine è di fornire le policy più corrette e appropriate per la privacy per ogni sito web o applicazione mobile, e Arduino, nome molto importante nella scena internazionale dei makers, creando un un hardware open-source e avvicinando anche i non addetti ai lavori allo studio dei linguaggi di programmazione.

Al quarto posto troviamo MusiXmatch, altra azienda bolognese fondata nel 2010, diventata famosa per aver ideato e progettato un servizio (e app per mobile) in grado di mostrare il testo di qualunque canzone si stia ascoltando, tramite un algoritmo del tutto simile a quello  utilizzato da Shazam.

Al quinto e sesto posto troviamo AppsBuilder e Pathflow, startup che hanno realizzato un sito per la creazione facile e veloce di applicazioni per smartphone e tablet, senza alcuna necessità di conoscere codici di programmazione (AppsBuilder) e un software in grado di analizzare i comportamenti dei consumatori all’interno dei negozi, in modo da poter adottare strategie di vendita e di comunicazione più efficaci (Pathflow).

A seguire sono menzionate Stereomood (un sito che ti fa ascoltare solo musica attinte al tuo stato d’animo), GiPStech (la quale ha sviluppato una serie di tecnologie per la localizzazione e la navigazione nei luoghi chiusi) e MoneyFarm (startup il cui obiettivo è quello di fornire consulenza finanziaria su misura ad ognuno di noi).

Chiudono la lista Circle Garage, il cui principale prodotto è uno smart device indossabile che può essere controllato tramite gesti, senza la necessita di toccare fisicamente lo schermo, e BeMyEye, startup che offre la possibilità a qualunque azienda / negozio / ristoranre di assumere temporaneamente persone per ricoprire il ruolo di mistery shopper e verificare la qualità generale del servizio offerta ai propri clienti.

1 commento

  1. Stereomood è stata messa in liquidazione, non appartiene più ai founders e da gennaio 2015 è di un’altra società, che proprio qualche giorno fa ha messo in standby sito e app. Qui il messaggio di addio dei founders, che – dopo le difficoltà nel busines model b2c a fronte di competitor altamente finanziati – avevano lanciato quasi una seconda startup, costruendo un prototipo di recommendation engine per mood (Stereomood Delphi) che aveva dato ottimi risultati ed era risultato appetibile per grossi player. Mi astengo da altri amari commenti e lascio spazio al link al nostro medium che verrà aggiornato in futuro appena verremo a conoscenza di altre novità sul (non più) nostro amato servizio: https://medium.com/@stereomoodteam

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome