La gestione di un negozio comporta l’assunzione di responsabilità sia nei confronti dei clienti che entrano ed escono dal punto vendita e sia dei dipendenti che prestano la propria attività. Quando si parla di responsabilità entra in gioco anche il concetto di assicurazione ovvero di protezione dai rischi imprevisti e imprevedibili all’interno del negozio.

Ci domandiamo quindi se l’assicurazione per un negozio è obbligatorio o è facoltativa. Detto in altri termini, le leggi 2021 in vigore impongono al proprietario o al titolare o comunque all’intestatario del negozio una polizza di assicurazione?

Assicurazione negozio è obbligatoria o no

I negozi possono essere minacciati da una serie di pericoli, dal furto all’inondazione. Di conseguenza l’opzione di sottoscrivere un’assicurazione è più di una semplice protezione dai rischi. Indipendentemente dal fatto che si sia un rivenditore o un proprietario, ci potrebbe essere bisogno di un’assicurazione aziendale per proteggere il proprio negozio e le scorte. Gestire un negozio significa attrarre clienti e la necessità di un’assicurazione di responsabilità civile.

Non si tratta di un requisito legale, ma nel caso in cui un cliente o una terza parte subisca un danno o mentre si trova nei locali, la polizza rappresenta una vera e propria ancora di salvezza. Se un cliente presenta un reclamo, l’assicurazione copre il costo del risarcimento e le spese legali. Allo stesso tempo, l’assicurazione è utile anche per chi offre consulenza o perizia dal proprio negozio. Potrebbe avere bisogno di una copertura di responsabilità professionale. Nel caso in cui un cliente non sia soddisfatto della consulenza o ritenga che il professionista sia stato negligente, la polizza assicurativa farà da protezione.

Non esiste dunque una sola formula assicurativa per i negozi ovvero sono numerose le polizze sottoscrivibili. Pensiamo ad esempio alla responsabilità civile verso terzi e dipendenti o alla copertura su danni ai beni e incendio, eventi atmosferici, lastre e cristalli, furto e rapina. Poi ci sono casi particolari, come l’assicurazione di responsabilità del prodotto. In pratica, nel caso in cui un prodotto che produci causi un infortunio o una malattia, l’assicurazione è pronta a intervenire.

Perché assicurare un negozio

L’assicurazione del negozio può essere adattata per coprire i rischi specifici della propria attività, ma ci sono alcuni elementi fondamentali di una polizza da considerare.

Se un cliente presenta un reclamo, la responsabilità pubblica copre il costo del risarcimento e le spese legali. La maggior parte dei proprietari di negozi conserva almeno una parte delle proprie scorte nei locali stessi e c’è il rischio che possa essere rubata o danneggiata a causa di incendi o allagamenti. L’assicurazione sulle azioni protegge il negozio fino a un certo importo, in modo che il flusso di cassa o il futuro dell’attività non siano messi a rischio.

Meglio controllare la polizza assicurativa aziendale per assicurare che il valore dello stock protetto sia sufficiente per le esigenze e verificare se la polizza consente di aumentare il valore in determinati periodi in cui il viavai e dunque i rischi sono maggiori, come quello di fine anno. Il titolo deve essere assicurato per il suo prezzo commerciale e non a scopo di lucro.

Alcuni eventi, come le inondazioni, possono anche essere esclusi dalla copertura, quindi è consigliabile assicurarsi di leggere la polizza per sapere se si è coperti dal rischio. I danni accidentali possono coprire una vasta gamma di situazioni e potrebbero non essere inclusi come standard nella polizza assicurativa del proprio negozio.

Articolo precedenteSony Pro-I, lo smartphone per i professionisti della fotografia
Prossimo articoloCome bloccare l’iPhone perso

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome