Porta la firma di Tesla, l’azienda del magnate Elon Musk famosa per realizzare auto elettriche di culto. Ed è proprio ispirandosi a queste vetture che la società statunitense ha sviluppato un avveniristico power bank per smartphone. Si tratta di quel prezioso dispositivo con cui caricare smartphone e tablet nelle situazioni di emergenza. In buona sostanza si tratta di una vera e propria batteria portatile da tirare fuori nel momento di necessità. Quello di Tesla richiama il design delle colonnine SuperCharger per ricaricare le battere delle auto elettriche. Dal punto di vista tecnico, è equipaggiato con una batteria da 3.350 mAh ed è dotato di connettore Lightning e microUSB.

A proposito, utilizza le stesse celle che alimentano le auto Tesla S e X. Peccato solo che sia momento disponibile solo negli Stati Uniti (al prezzo di 45 dollari). Il costo è dunque mediamente superiore rispetto alle altre soluzioni presenti sul mercato. Ma c’è poco di cui stupirsi. In qualche modo Tesla sta al mercato della auto elettriche al pari di Apple in quelli dell’elettronica di consumo con i suoi vari modelli di iPhone e iPad. Basti vedere le similitudini dei keynote di presentazione dei nuovi prodotti in cui fa la sua comparsa la folla festante da una parte e dall’altra. E poi c’è quella sentimento di gelosia e di difesa dei propri prodotti a caratterizzare gli utenti Apple e Tesla.

E lo stesso è accaduto pochi giorni fa con la presentazione del primo camion elettrico a firma Tesla. Non si tratta di una novità assoluta in questo segmento di mercato, ma Tesla riesce a far parlare di sé meglio e di più rispetto alla concorrenza. E poco importa che gli ultimi anni di lavoro sono stati segnati da ritardi nella produzione e nella consegna di modelli per i quali gli utenti hanno scucito generosi anticipi. Il seguito è compatto e il successo è crescente sempre e comunque. Il nuovo mezzo di Elon Musk promette di rivoluzionare il trasporto pesante con Semi, il primo concept di truck elettrico che assicura 805 chilometri di autonomia a pieno carico e a velocità autostradale, prestazioni migliori rispetto ai mezzi diesel in salita e perfino un parabrezza a prova di esplosione termonucleare, optional decisamente estremo.

Il progetto è stato presentato a New York proprio dall’amministratore delegato Elon Musk. Tesla Semi è un camion elettrico a guida fortemente automatizzata che può trasportare 37 tonnellate di merci accanto a una nuova auto elettrica sportiva. Tesla dichiara per la Roadster numeri record: 400 km orari di velocità e mille km di autonomia e uno 0 a 100 sul filo dei due secondi. Si tratta di un investimento, considerando che il costo di gestione del camion elettrico, pari a 1,26 dollari per miglio, contro una media di 1,51 per i tir diesel.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome