Chi pensa che Facebook serva solo per ritrovare i vecchi compagni di scuola, spulciare le foto delle vacanze degli amici, esprimere l’indignazione del momento, condividere citazioni più o meno dotte o fare un bagno di fake news è destinato a ricredersi. La più famosa piattaforma di social networking si rivela utile anche per cercare lavoro. A mettere in evidenza questo utilizzo del più popolare network sociale è l’osservatorio dell’agenzia per il lavoro E-work. Al primo posto tra le piattaforme social scelte da chi vuole cambiare o trovare lavoro c’è sempre LinkedIn, ma anche Facebook è comunque utilizzato da un candidato su tre.

Secondo Paolo Ferrario, amministratore delegato di E-work, nei prossimi anni sarà la volta anche di YouTube e Twitter: sarà quindi sempre più importante prestare attenzione a quello che i social dicono di noi. Per le aziende Facebook è già diventato uno strumento di selezione. Ferrario sottolinea come nel 55% dei casi presi in esame, i selezionatori abbiano cambiato idea dopo aver consultato il profilo FB di un candidato. Occhi aperti, quindi: soprattutto per chi utilizza questo canale per presentarsi alle aziende. Si tratta in maggioranza di uomini tra i 26 e i 45 anni, residenti nel nord Italia, che operano nei campi marketing e comunicazione (32%), informatica e telecomunicazioni (24%), risorse umane (15%) e amministrazione (12%).

Instagram: crescita inarrestabile

La cavalcata trionfale di Instagram – il social delle immagini di proprietà della stessa Facebook – sembra inarrestabile: acquistata nel 2012 da Facebook per 1 miliardo di dollari, oggi ne vale 100 e nel prossimo anno potrebbe portare in dote il 16% delle entrate complessive. II social basato sulle immagini continua a piacere e a conquistare utenti in tutto il mondo, anche negli Stati Uniti, dove invece Facebook non cresce più da qualche tempo. Lo rivela un rapporto di Jitendra Waral, analista di Bloomberg Intelligence: al momento Instagram ha 1 miliardo di utilizzatori e la previsione è di un raddoppio nei prossimi cinque anni.

Forse parte del merito di questo successo sta nella capacità di rinnovarsi: l’ultimo prodotto, o per meglio dire costola aggiuntiva, è l’app Igtv, presente anche come funzione integrata nello stesso Instagram. Figlia del grande successo delle Storie, la piattaforma è dedicata ai video e offre la possibilità di caricare filmati della durata massima di 10 minuti ed è imminente il prolungamento a ben 1 ora per tutti gli utenti, al momento in fase di test. Igtv, sta conoscendo un rapido sviluppo per quanto riguarda opzioni e funzionalità offerte e sarà sicuramente un ottimo bacino pubblicitario. Secondo gli esperti potrebbe mettere in difficoltà, oltre alla TV tradizionale, anche YouTube per il tipo di contenuti.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome