Le coordinate entro cui si sta muovendo l’Agenzia delle entrate sono note da tempo: maggiore vicinanza ai cittadini, quasi come se il rapporto fosse di consulenza, e ampio uso delle nuove tecnologie. Ed ecco allora che è già online il nuovo sito, accessibile da tablet, smartphone e PC. L’obiettivo è rendere più semplice la vita dei cittadini senza farli andare allo sportello. Le pagine più cliccate? Quelle per il bollo auto e per la partita Iva. Online anche la sezione Fai da te per aderire alla rottamazione delle cartelle.

Il nuovo sito dell’Agenzia delle entrate

L’Agenzia delle entrate cambia allora la sua veste digitale. È infatti online il nuovo portale, con un motore di ricerca intelligente che guida il cittadino al servizio giusto con contenuti tarati sugli utenti, aree tematiche e informazioni sugli argomenti più attuali. Un portale realizzato secondo l’approccio mobile first per essere fruito prima di tutto da dispositivi mobili. Cinque i profili chiave individuati:

  1. cittadini
  2. imprese
  3. professionisti
  4. intermediari, enti
  5. pubblica amministrazione

a ciascuno dei quali vengono forniti informazioni e servizi specifici.

«Questo portale è un ulteriore passo avanti. Lo abbiamo reso più semplice e fruibile ai cittadini. Negli ultimi tre anni sono state fatte 158 milioni di operazioni online per una raccolta totale di 641 miliardi», ha detto il direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini. «In questo momento la fase di transizione è intensa per le modifiche istituzionali che sono state portate alla struttura del sistema tributario fiscale dello Stato. Mi auguro una riforma delle agenzie ancora più radicale», gli fa ha fatto eco il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. «È una sfida che deve mettere insieme il rapporto con i contribuenti e le nuove tecnologie». Dal primo gennaio il sito Internet dell’Agenzia ha già registrato 125 milioni di visite.

Padoan: Guardia di finanza in linea sulla lotta all’evasione

Un rafforzamento del sistema fiscale che passa anche per la riforma delle Agenzie. Lo ha auspicato il ministro dell’Economia Padoan intervenendo all’Agenzia delle entrate. Padoan ha anche fatto riferimento alle altre componenti della macchina tributaria, inclusa la Guardia di finanza, ricordando che opera in stretto coordinamento con la stessa Agenzia e nell’ambito della linea decisa dal governo. «Siamo in una fase di transizione particolarmente intensa – ha detto il ministro – sono stati fatti importanti passi avanti e mi auguro che si continui, dovrà essere eventualmente ripresa in mano l’idea di una riforma delle agenzie più radicale».

Va ricordato che il disegno di legge di riforma si è arenato in Parlamento e sono falliti anche i tentativi di travasarlo prima nel decreto fiscale poi nella legge di Bilancio. L’occasione per l’intervento pubblico è arrivato appunto con la presentazione del nuovo sito dell’Agenzia delle entrate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome