Il noleggio lungo termine si rivela strategico per alcune ben precise categorie, come chi preferisce costi certi e pianificati, chi non vuole pensare alla svalutazione, chi vuole cambiare l’auto di frequente, chi cerca un servizio completo di gestione dell’auto, chi non desidera possedere alcun mezzo e chi, moto semplicemente utilizza l’auto per esigenze lavorative. Il meccanismo di funzionamento è molto semplice: occorre pagare un canone mensile per utilizzare l’auto e fruire di alcuni servizi come il pagamento del bollo auto, l’assicurazione, la manutenzione ordinaria e straordinaria, la gestione dei pneumatici. La durata del contratto è generalmente variabile da uno a cinque anni.

Non solo noleggio lungo termine, c’è anche il leasing

Una formula alternativa per avere tra le mani il volante di un’auto senza acquistarla è quella del leasing. In questo caso la società cede il veicolo al cliente dietro pagamento di un anticipo e di un canone mensile. Al termine del leasing, l’utente può decidere se riscattare la proprietà del mezzo saldando la rata finale o restituire l’auto. Facile allora capire come questa opzioni trovi riscontro tra chi percorre molti chilometri, chi sostituisce l’auto piuttosto di frequente, chi non desidera un’auto di proprietà e, più semplicemente, tra i liberi professionisti e gli autonomi che utilizzano il veicolo per esigenze lavorative.

Il passo successivo è il full leasing che include nella rata la copertura di alcune spese tra cui l’assicurazione, la manutenzione ordinaria e la tassa di proprietà. Va da sé che la soluzione è strategica per chi è alla ricerca di un prodotto più evoluto che prevede servizi aggiuntivi finanziati nella rata.

Con il finanziamento puro, l’utente decide invece quale prezzo d’acquisto dell’auto pagare in contanti e quale con finanziamento. In ogni caso il mezzo rimane di proprietà del cliente. Chiaro che si tratta di una formula per chi decide di vuole possedere un’auto nel medio-lungo termine, senza preoccuparsi della svalutazione. Ma anche a chi ha dei costi di gestione assicurativi contenuti.

Articolo precedenteNaspi precompilata al via domanda indennità disoccupazione. Le novità
Prossimo articoloSamsung Pay in Italia: come si usa e altri servizi per pagare con il cellulare

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome