L’allarme è stato ufficialmente lanciato e, a dirla tutta, non coinvolge solo MacOS High Sierra ovvero il nuovo sistema operativo per Mac, ma anche le release precedenti. Ci sarebbe un problema sicurezza così pronunciato da mettere a rischio password e username. A detta del ricercatore di sicurezza Patrick Wardle, la falla coinvolge il Portachiavi, che non a caso custodisce e memorizza gli account per evitare che l’utente sia costretto a ricordarle e digitarle di continuo. Va da sé che si tratta di una vulnerabilità molto pericolosa perché mette a rischio di dati personali ovvero concede ai malintenzionati la possibilità di accedere a informazioni sensibili.

Cosa fare?

Attendere il rilascio di un aggiornamento correttivo del sistema operativo nel più breve tempo possibile, ricordando che i Mac compatibili con MacOS High Sierra sono MacBook fine 2009 e successivi, iMac a partire dai modelli di fine 2009, tutti i MacBook Air dal 2010 in poi, MacBook Pro dal 2010 e successivi, Mac mini a partire dal modello 2010 e seguenti, Mac Pro del 2010 e successivi. In ogni caso Apple è al corrente del problema sicurezza, anche se ha finora evitato di entrare nel vivo della questione, limitandosi ad argomentare come macOS sia stato progettato “per essere sicuro di default, e Gatekeeper avvisa gli utenti di non installare applicazioni non firmate, come quella mostrata in questo proof of concept, e impedisce loro dall’avviare l’app senza esplicita approvazione”.

Da qui il suggerimento a scaricare software “solo da fonti di fiducia come il Mac App Store e fare speciale attenzione ai dialog di sicurezza che macOS mostra”. A ogni modo, il nuovo sistema operativo introduce numerose novità, come il nuovo Apple File System, la compatibilità con lo standard High-Efficiency Video Coding (HEVC), la tecnologia grafica Metal 2 con il supporto alle funzioni di nuova generazione come l’apprendimento automatico utilizzato nel riconoscimento vocale, l’elaborazione del linguaggio naturale e la computer vision, il supporto per la creazione di contenuti di realtà virtuale, permettendo agli sviluppatori di dare vita a giochi immersivi ed esperienze 3D e VR sul Mac, l’aggiornamento di Foto. E poi ci sono modifiche solo apparentemente minori:

  • Il sistema antitracking intelligente in Safari rileva ed elimina i cookie e altri dati utilizzati dagli inserzionisti per il tracking incrociato, contribuendo a mantenere privata la navigazione dell’utente.
  • In Note, gli utenti possono aggiungere tabelle, scrivere nelle celle, apportare modifiche e spostare righe e colonne.
  • La Touch Bar di MacBook Pro offre nuove opzioni per la Control Strip, un selettore colori migliorato e più controlli video.
  • Safari blocca la riproduzione automatica dei contenuti multimediali con audio nel browser, e Reader può aprire automaticamente gli articoli in un formato chiaro.
  • Siri sul Mac ha una voce più naturale e può imparare le preferenze musicali, creare playlist personalizzate e rispondere a domande di musica quando si usa Apple Music.
  • Spotlight fornisce informazioni sullo stato dei voli, tra cui l’orario di partenza e di arrivo, il terminal, il gate, l’eventuale ritardo e perfino la mappa della rotta.
  • LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci il commento!
    Il tuo nome