Google ha avviato il lancio globale della sua app di ricerca Go, pensata per i dispositivi di fascia bassa. L’app è una versione più leggera dell’app Ricerca Google: 7 MB e velocità assicurata. Sebbene fosse già disponibile in alcuni Paesi, il gigante della ricerca ora lo ha reso disponibile per tutti sul Play Store. Google Go può essere installato su ogni dispositivo Android con Android 5.0 Lollipop e versioni successive.

Oltre a fornire risultati di ricerca, l’app può anche ricordare i risultati di ricerca per un uso successivo. In occasione della conferenza Google I/O 2019, la società di Mountain View ha mostrato una demo di Lens integrata nell’app Go.

Google Go per Android, a cosa serve

Può essere utilizzato per leggere, tradurre e cercare parole utilizzando solo la fotocamera. L’app può leggere le parole e persino tradurle leggendole anche per te. Un’altra caratteristica interessante di Google Go è la possibilità di leggere ad alta voce testi da siti web. La funzione di lettura è basata sull’intelligenza artificiale che consente di ascoltare le parole evidenziate su qualsiasi pagina web.

Google Go fa parte del sistema operativo Android Go che è una versione ridotta del sistema Android di serie destinato a dispositivi a basso consumo nei mercati emergenti. Include altre versioni ridotte o più leggere delle app di Google come Gallery Go, Gmail Go e YouTube Go.

Il tutto mentre il gigante tecnologico di Mountain View ha ammesso che i suoi dipendenti hanno ascoltato le conversazioni tra gli utenti e il suo assistente virtuale nel tentativo di migliorare la comprensione da parte di Google Assistant di varie lingue e di renderlo un prodotto migliore. “Questi esperti linguistici riesaminano e trascrivono una piccola serie di query per aiutarci a comprendere meglio tali lingue: questa è una parte fondamentale del processo di costruzione della tecnologia vocale ed è necessaria per la creazione di prodotti come l’Assistente Google”.

La rivelazione di Google arriva in risposta all’indagine di VRT NWS secondo cui che i dipendenti di Google ascoltano le conversazioni tra gli utenti e l’assistente virtuale e che alcune di queste conversazioni non dovrebbero essere state registrate dai dispositivi intelligenti. L’emittente ha ottenuto e analizzato oltre 1.000 frammenti audio di conversazioni tra l’assistente Google e gli utenti residenti nei Paesi Bassi e in Belgio.

Al termine dell’inchiesta, l’emittente ha scoperto che delle registrazioni totali ottenute, quasi 153 non avrebbero dovuto essere mai eseguite poiché il comando “Ok Google” per attivare l’assistente virtuale non è mai stato dato. Per Google, i frammenti audio non sono associati agli account utente come parte del processo di revisione e agli impiegato viene richiesto di non trascrivere conversazioni in background o altri rumori, ma solo gli snippet indirizzati a Google.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome