tastiere digitali (wikipedia)
tastiere digitali (wikipedia)

Creare diversi tipi di melodie di accompagnamento, interagire con computer e sintetizzatori. Questi sono solo alcune delle opportunità offerte dalle tastiere digitali che permettono, grazie alle loro innumerevoli funzioni, di esplorare la musica, dando sfogo alla creatività più sfrenata. Questi strumenti sono disponibili sul mercato in diverse versioni: ci sono, ad esempio, quelle portatili, che possono realizzare i suoni di diversi tipi di strumenti musicali permettendo anche di registrare brani per poi risentirsi,o  quelle dotate di sintetizzatori, in grado di alterare completamente il segnale audio, dei veri e propri studi di registrazione dove creare vere e proprie composizioni.

Ci sono poi le tastiere dotate di interfaccia MIDI (Musical Instrument Digital Interface), in grado di scambiare dati con pc e altri strumenti elettronici, e i “pianoforti digitali”, provvisti di pedali e con un suono molto più simile a un vero pianoforte, che possono imitare alcuni suoni di altri strumenti, come, ad esempio, l’organo, il vibrafono, il clavicembalo e gli archi.

Tra gli effetti digitali che si possono ottenere con queste tastiere abbiamo il reverb, chorus, distorsione (che permette di simulare il suono di una chitarra rock) , i “pitch bender” (per abbassare o alzare il tono di una nota o di un accordo). Tanti poi gli accessori come amplificatori, supporti per il sostegno, custodie e pedale sustain che permette alla nota di risuonare per certo periodo di tempo dopo che il dito ha lasciato il tasto.

 

Pretzelpaws con una fotocamera Canon EOS-10D.

By M.Sellmann (http://www.hemingway-pianos.info)