lavori intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale sta per introducendo una rivoluzione nel panorama lavorativo, e il 2024 potrebbe segnare l’inizio di cambiamenti di ampia portata. Nessun settore rimarrà immune dall’impatto dell’IA, e molti professionisti saranno chiamati a adeguarsi alle nuove esigenze e alle richieste emergenti, evitando di essere impreparati di fronte a questa trasformazione.

Questa rivoluzione è attesa e prevista sulla base di diverse ricerche e analisi recenti. Oltre alle modifiche nelle competenze richieste dalle professioni esistenti, l’IA potrebbe mettere a rischio alcuni posti di lavoro, mentre nuovi ruoli potrebbero emergere rapidamente per guidare ed orchestrare questo processo di trasformazione.

Intelligenza artificiale, lavori a rischio nel 2024

Possiamo fare un passo indietro di qualche decennio per esaminare professioni come l’ascensorista, che richiedeva limitate competenze, o il linotipista, responsabile della composizione di righe da fondere in piombo per la stampa tipografica, indicando un impiego più specializzato.

Negli ultimi due decenni, sebbene alcuni di essi non siano completamente scomparsi, lavori come il casellante autostradale, l’addetto alla biglietteria ferroviaria e il cassiere del supermercato sono considerati in via di estinzione, in quanto sottoposti a un’automazione sempre più pervasiva, anche in Italia. Anche per gli operai, una trasformazione radicale è già in corso.

Se per gli autisti siamo ancora agli inizi, le auto a guida autonoma sono già una realtà, e Elon Musk ha progetti per introdurre la stessa tecnologia nei camion. Nel settore dei servizi telefonici, del telemarketing e delle reception, la figura della centralinista telefonica è in declino, con chatbot e intelligenza artificiale che gradualmente assumono queste mansioni. Anche il ruolo tradizionale del cassiere di sportello bancario è cambiato, con l’avvento dei bancomat e la presenza di personale capace di vendere servizi oltre che dispensare denaro.

Alcuni impieghi, generalmente considerati al di fuori della portata di robot e intelligenza artificiale, sono anch’essi a rischio. Ad esempio, i farmacisti potrebbero vedere la preparazione di medicinali personalizzati affidata ai robot. I software di aggregazione e redazione automatica di notizie stanno già influenzando il lavoro dei giornalisti.

Gli algoritmi operano con successo nel mercato azionario, sostituendo in alcuni casi gli operatori di borsa. La sperimentazione di droni per la movimentazione di merci via aerea potrebbe rendere superflua la presenza di piloti umani sugli aerei cargo. Chef e cuochi robot stanno già operando in alcune catene di fast food, e alcune aziende stanno sviluppando personal chef automatici per riprodurre in casa i piatti di chef famosi o tradizionali.

Impatto dell’intelligenza artificiale sul mondo del lavoro

L’intelligenza artificiale generativa avrà un impatto crescente nel contesto lavorativo, essendo in grado di generare una vasta gamma di mansioni, tra cui testi, grafici, immagini, video e persino musica. Questa evoluzione cambierà il modus operandi dei creator senza sostituirli. L’IA fornirà suggerimenti, informazioni, indicazioni e contenuti pronti per la pubblicazione su diverse piattaforme, inclusi i social network. Per rimanere competitivi e monetizzare, sarà essenziale acquisire competenze nell’uso di strumenti e prompt AI.

L’avanzamento dell’IA ha dato origine a nuove opportunità lavorative. Saranno particolarmente richieste le competenze di formatori per l’uso di strumenti di intelligenza artificiale e di editor specializzati nel migliorare e adattare in modo pertinente i contenuti generati dall’IA al pubblico di riferimento e agli obiettivi prefissati. La capacità di sviluppare modelli di intelligenza artificiale è diventata una competenza altamente richiesta, come dimostrato dall’interesse di aziende di rilievo, come Netflix, che ha recentemente iniziato ad assumere professionisti con questa abilità, offrendo stipendi competitivi.

Le persone in grado di utilizzare tecnologie basate sull’IA saranno altamente ricercati in settori come la sanità, il legale e l’istruzione. Una formazione avanzata in questo campo consentirà di capitalizzare importanti opportunità di carriera e di accedere a prospettive occupazionali più vantaggiose.

Articolo precedenteStartup innovative italiane superano quota 10.000. Cosa sono e quali requisiti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome