controllo remoto

Nel contesto della sicurezza informatica, di norma si sconsiglia l’accesso remoto al proprio sistema. Ci sono situazioni in cui concedere questa possibilità a un utente autorizzato può essere utile per risolvere problemi. Il controllo remoto, se eseguito in modo sicuro e con le autorizzazioni appropriate, può essere cruciale quando ci si trova nella necessità di recuperare un filesul proprio computer senza essere fisicamente presenti.

Implementare il controllo remoto, con una gestione attenta e seguendo le migliori pratiche di sicurezza informatica, offre una soluzione tempestiva per affrontare difficoltà o accedere a risorse importanti da remoto. La capacità di aprire temporaneamente le porte del sistema a individui fidati può quindi rivelarsi uno strumento strategico e imprescindibile.

La procedura per accedere al controllo remoto

Una soluzione per il controllo remoto consiste nell’adozione di un programma dedicato. Per avviare questa procedura, è necessario avere a disposizione un computer con una connessione Internet ad alta velocità. Questi programmi consentono di stabilire una connessione tra due computer tramite Internet, indipendentemente dalla loro posizione geografica, permettendo all’utente di assumere il controllo del dispositivo remoto e di operare su di esso come se fosse fisicamente presente davanti alla sua tastiera.

Questi strumenti per il controllo remoto offrono una vasta gamma di applicazioni pratiche, tra cui l’assistenza remota, il trasferimento di file tra computer distanti, la stampa di documenti da remoto, la condivisione dello schermo. Sul mercato sono disponibili diversi programmi per facilitare la connessione remota tra due computer, alcuni a pagamento e altri gratuiti. Spesso è possibile trovare una soluzione integrata nelle risorse già disponibili. Ad esempio, il sistema operativo Windows include un’applicazione specifica per l’assistenza remota chiamata “Assistenza Rapida”, che svolge efficacemente questa funzione.

Nel contesto dell’assistenza remota, l’applicazione “Assistenza Rapida” può essere avviata sul computer dell’utente che offre il supporto utilizzando la combinazione di tasti Ctrl + Windows + Q. Una volta aperta l’applicazione, selezioniamo l’opzione “Aiuta qualcuno” e procediamo con l’accesso utilizzando le credenziali Microsoft. Se disponiamo già di un account Microsoft, possiamo selezionarlo dalla parte inferiore dello schermo; altrimenti, possiamo creare un nuovo account Microsoft seguendo le istruzioni fornite. Una volta stabilita la connessione, viene generato un codice di sicurezza che va comunicato alla persona in attesa di assistenza.

Questo codice va inserito nella casella “Codice di sicurezza dell’assistente” e confermato tramite il pulsante “Invia”. Sullo schermo di entrambi i computer compare il messaggio “Connessione in corso”. Sul computer che riceve l’assistenza, compare la richiesta “Consentire la condivisione dello schermo”? Clicchiamo su “Consenti” per accettare e condividere lo schermo con l’assistente. A questo punto, ogni azione eseguita sul computer ospite viene replicata sul computer di controllo. Per una gestione più approfondita, l’utente può richiedere il controllo completo del computer da sistemare cliccando su “Richiedi controllo”, mentre l’assistente deve confermare cliccando su “Consenti”. Per agevolare la comunicazione, è possibile avviare una sessione di chat cliccando sul pulsante con il fumetto. Cliccando sull’icona dell’evidenziatore, è possibile sottolineare elementi per richiamare l’attenzione dell’interlocutore durante l’assistenza remota.

Nel processo di avvio di Assistenza Rapida, uno dei computer assume il ruolo di Visualizzatore, ovvero il dispositivo che si connette, mentre l’altro agisce come Condivisore, responsabile della condivisione dello schermo. Avviando l’operazione attraverso il pulsante “Aiuta Qualcuno”, il computer Visualizzatore contatta il servizio di assistenza remota per ottenere un codice univoco che consentirà al computer Condivisore di stabilire un collegamento sicuro mediante il servizio di Assistenza Remota. In parallelo, viene inizializzata una sessione di chat RCC (Remote Call Control) tra i due computer. Il computer Condivisore deve confermare la sua volontà di condividere lo schermo. Al termine di questa procedura, Assistenza Rapida avvia il controllo RDP (Remote Desktop Protocol) e si connette al servizio di inoltro RDP, agevolando la condivisione del video con il computer Visualizzatore. Questo processo è progettato per garantire una connessione sicura e affidabile durante le operazioni di controllo remoto.

TeamViewer è un software ampiamente riconosciuto, compatibile con Windows, MacOS, Linux, Android e iOS, che offre una soluzione semplice ed efficiente per il controllo remoto. L’installazione è guidata e l’utilizzo è intuitivo: il computer ospite genera un’ID e una password da condividere con il dispositivo da controllare. Oltre a facilitare la connessione tra due computer, TeamViewer consente la condivisione e il trasferimento di file. Le funzioni di base sono gratuite, mentre l’acquisto della licenza è richiesto per utilizzi professionali. Installabile su: Windows, MacOS, Linux, Android.

Supremo è un’applicazione per l’accesso remoto, disponibile su Windows, MacOS, Android e iOS. L’installazione è superflua; è sufficiente avviare l’applicazione per avere un client pronto per la connessione utilizzando la combinazione di ID e password. La possibilità di installare il programma come servizio di Windows consente l’utilizzo remoto anche in assenza di un utente davanti al computer.

Chrome Remote, sebbene non sia un programma specifico per l’accesso remoto, risulta utile quando è necessario condividere solo il browser Chrome. Il plug-in gratuito consente a un amico di prendere il controllo del browser o di una pagina specifica come se fosse sul proprio computer. L’installazione richiede attenzione, ma il plug-in offre funzionalità pratiche per la condivisione del browser.

UltraVNC, basato sul protocollo VNC, è un programma potente per l’assistenza remota, compatibile con Windows. Pur richiedendo alcune modifiche al firewall di Windows, offre funzioni avanzate come il trasferimento di file e la chat. Nonostante l’installazione e l’utilizzo possano risultare leggermente più complessi rispetto ad altri programmi, UltraVNC è gratuito e versatile, permettendo anche l’accesso tramite browser attraverso la versione Java.

Articolo precedenteWindows Defender: le funzionalità da conoscere
Prossimo articoloHearthstone, come scaricarlo e giocare gratis

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome