startup 2024

C’è un principio di base che differenzia una cooperativa da un’azienda, qualunque sia la sua forma giuridica tra società di persone, società a responsabilità limitata, società di persone o, più in generale, società di capitali.

Le cooperative sono ispirate da principi come la solidarietà e la mutualità mentre le altre società inseguono prioritariamente il profitto.

Tra cooperativa e azienda quali sono le differenze

Sono numerose le differenze tra cooperativa e azienda, a iniziare dal diritto di voto. Nel caso delle aziende di capitali i soci contano in funzione del capitale conferito mentre nelle cooperative ogni socio ha diritto a un solo voto.

Come abbiamo premesso, le finalità viaggiano su binari opposti in quanto per le società di capitali il fine è il profitto mentre per le cooperative è la mutualità.

E ancora: nelle cooperative gli utili sono quasi totalmente reinvestiti nello sviluppo della cooperativa stessa e nel rafforzamento del patrimonio cooperativo mentre nelle aziende sono divisi tra gli azionisti in base alle quote di capitale.

E se l’organizzazione si scioglie, il patrimonio sociale finisce nei fondi di promozione cooperativa per la promozione, la nascita e lo sviluppo di altre cooperative. In definitiva, gli azionisti di un’azienda sono i proprietari, i soci di una cooperativa sono i gestori di un patrimonio legato a un territorio.

Tabella differenze fra cooperativa e altre forme di azienda

Provando a schematizzare le differenze fra cooperativa e altre forme di azienda secondo i principali aspetti, il quadro è il seguente:

  • Scopo: Lucrativo (società di persone), Lucrativo (società per azioni), Capitale sociale (società a responsabilità limitata), Mutualistico (cooperative)
  • Capitale Sociale: Non richiesto dalla legge, ma deve essere congruo all’attività da svolgere (società di persone), 120.000 euro (società per azioni), 10.000 euro (società a responsabilità limitata), Variabile (non fissato in un ammontare prestabilito) (cooperative)
  • Utili: Ripartizione fra i soci in proporzione ai conferimenti (società di persone), Ripartizione in proporzione alle azioni possedute dai soci (società per azioni), Ripartizione in proporzione alle quote possedute dai soci (società a responsabilità limitata), Limiti alla distribuzione degli utili sia per espressa previsione legislativa che statutaria (cooperative)
  • Patrimonio sociale: I beni sociali possono essere ripartiti fra i soci solo dopo che sono stati pagati i debiti sociali (società di persone), In caso di scioglimento, il patrimonio viene ripartito fra i soci, solo dopo aver pagato i debiti sociali (società per azioni), In caso di scioglimento, il patrimonio viene ripartito fra i soci, solo dopo aver pagato i debiti sociali (società a responsabilità limitata), In caso di scioglimento, obbligo di devoluzione ai fondi mutualistici per lo sviluppo e la promozione della cooperazione (cooperative)
  • Personalità giuridica: no (società di persone), sì (società per azioni), sì (società a responsabilità limitata), sì (cooperative)
  • Responsabilità per le obbligazioni sociali: Risponde sia il patrimonio sociale sia i singoli soci personalmente e illimitatamente, in modo inderogabile (società in nome collettivo) o con possibilità di deroga pattizia per i soli soci non amministratori (società semplice). Nella società in accomandita semplice coesistono soci a responsabilità limitata e soci a responsabilità illimitata (società di persone); Risponde solo la società con il proprio patrimonio. Nella società in accomandita per azioni coesistono soci a responsabilità limitata e soci a responsabilità illimitata (società per azioni); Risponde solo la società con il proprio patrimonio (società a responsabilità limitata); Risponde solo la società con il proprio patrimonio (cooperative)
  • Diritto di voto: I voti sono attribuiti ai soci in proporzione al numero delle azioni (società per azioni); I voti sono attribuiti ai soci in misura proporzionale alla partecipazione detenuta (società a responsabilità limitata); Ogni socio ha diritto ad un voto, indipendentemente dalla partecipazione detenuta. Sono previste espressamente alcune deroghe dalla legge (cooperative)
  • Organizzazione: L’amministrazione spetta ai soci e può essere disgiuntiva o congiuntiva (società di persone). È possibile adottare il modello tradizionale (basato su consiglio di amministrazione, assemblea, collegio sindacale), dualistico (basato su consiglio di gestione e consiglio di sorveglianza), monistico (basato su consiglio di amministrazione e un comitato costituito al suo interno) (società per azioni); Sono presenti il consiglio di amministrazione e l’assemblea dei soci. Il collegio sindacale non è obbligatorio, salvi i casi previsti dalla legge (società a responsabilità limitata); È possibile adottare il modello tradizionale (basato su consiglio di amministrazione, assemblea, collegio sindacale), dualistico (basato su consiglio di gestione e consiglio di sorveglianza), monistico (basato su consiglio di amministrazione e un comitato costituito al suo interno). In ogni caso occorre in primo luogo tenere presente le peculiarità cooperative. Inoltre il collegio sindacale non è obbligatorio, salvi i casi previsti dalla legge (cooperative)
Articolo precedenteFarmaci per dimagrire da comprare anche online: potenzialità e rischi
Prossimo articoloI dipendenti privati possono ricevere regali anche online da clienti e fornitori

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome