La caratteristica distintiva è appunto quello di avere un doppio alloggiamento per le schede SIM. A osservare il mercato Android in questo inizio di maggio 2017 emerge subito come gli smartphone dual SIM siano in grado di coprire tutte le fasce di prezzo, dai top di gamma ai cellulari economici, anche a meno di 200 euro. Poi spetta naturalmente ai singoli utenti individuare il device più adatto alle proprie esigenze e quello in grado di stuzzicare la fantasia. Le possibilità non mancano.

Asus Zenfone 3

Si tratta appunto di uno degli ultimi arrivati nel sempre più affollato mercato dei top di gamma e per via delle sue dimensioni generose, schermo da 5,5 pollici con risoluzione Full HD (1.920 x 1.080 pixel), sarebbe più corretto definirlo un phablet ovvero un dispositivo a metà strada tra uno smartphone e un tablet. Spinto dal nuovo processore SoC Qualcomm Snapdragon 625 con otto core Cortex-A53 (2 GHz, Adreno 506), l’Asus Zenfone 3 esibisce lo spazio per due SIM e 32 GB di storage. La batteria è da 3.000 mAh. Acquistabile nei colori blu, nero, bianco e oro, il suo punto di forza rimane il prezzo contenuto: meno di 280 euro per farselo spedire a casa.

Huawei P9 Lite

Display IPS da 5,2 pollici con risoluzione Full HD ovvero pari a 1.920 × 1.080 pixel (lo stesso del P9), Huawei P9 Lite si caratterizza per lo spessore ridotto di 7,5 millimetri. A spingerlo è il processore Kirin 650 a 2 GHz accompagnato da 3 GB di RAM e 16 GB di memoria flash, espandibile con schede microSD fino a 128 GB. Il comparto fotocamera passa dalla presenza di un sensore nella parte posteriore da 13 megapixel con apertura f/2.0, in grado di catturare immagini in ottima qualità in tutte le condizione di illuminazione e registrare filmati in alta definizione. Il P9 Lite è equipaggiato con un sensore per il riconoscimento delle impronte digitali da sfruttare anche per accedere alle notifiche, rispondere a chiamate e scattare foto. Bastano meno di 200 euro.

Honor 8

Schermo da 5,2 pollici con risoluzione pari a 1.920 x 1.080 pixel a 424 ppi (dimensioni di 145,5 x 71 x 7,45 mm e peso complessivo di 153 grammi), l’Honor 8 è spinto da un quad-core 2.3 GHz Cortex-A72 + quad-core 1.8 GHz Cortex A53 con 4 GB di RAM. Batteria da 3.000 mAh e sistema operativo Android 6.0.1, il comparto connettività passa da Bluetooth 4.2, Wi-Fi a/b/g/n/ac dual band e chip NFC (Near Field Communication), utile anche per effettuare pagamenti in mobilità. Il prezzo dello smartphone, realizzato nei colori blu, bianco e nero, è decisamente competitivo: 399 euro per la versione da 32 GB e 449 euro per quella da 64 GB, ma non mancano le offerte. Come quella di Amazon, che lo propone a 344 euro.

OnePlus 3T

Display HD da 5,5 pollici con risoluzione pari a 1.920 x 1.080 pixel, il cuore dell’OnePlus 3T è il chip Qualcomm Snapdragon 821 con 6 GB di RAM di tipo LPDDR4. Al suo interno troviamo uno storage da 64 o da 128 GB UFS 2.0. Equipaggiato inizialmente con Android Marshmallow con interfaccia personalizzata OxygenOS (e aggiornabile al nuovo sistema operativo Android Nougat), nella parte posteriore del device è presente una fotocamera con sensore da 16 megapixel Sony IMX298, con OIS ed EIS, PDAF, f/2.0 e in grado di registrare video in 4K. La batteria, non removibile, è da 3.400 mAh, con tecnologia Dash Charge, in grado di assicurare una carica di oltre il 60% in 30 minuti. Per il OnePlus 3T occorre un impegno di spesa di poco inferiore a 470 euro.

Honor 8 Pro

Già conosciuto in Cina con il nome Honor V9, l’Honor 8 Pro mostra un display da 5,7 pollici di tipo QHD con risoluzione pari a 2.560 x 1.440 pixel. A bordo è salito il processore SoC Kirin 960 octa-core da 2,4 GHz con GPU Mali G71 e 6 GB di RAM di tipo LPDDR4. Lo storage di base è di 64 GB UFS 2.1, espandibile con microSD fino a 128 GB. Equipaggiato con sistema operativo Android 7 Nougat con interfaccia personalizzata Emui 5.1, la batteria non removibile è da 4.000 mAh con ricarica veloce nel contesto di un device con scocca total body in alluminio e bordi arrotondati. Le fotocamere sono due: c’è quella posteriore con sensore da 12 megapixel con f/2.2 e laser autofocus, e c’è quella frontale da 8 megapixel con f/2.0. Acquistabile in Italia a 545 euro circa.

Samsung Galaxy S7 Duos

Si tratta della versione dual SIM dell’ex top di gamma Samsung Galaxy S7. Tra le caratteristiche essenziali ci sono dunque lo slot per l’aumento dello storage, la resistenza ad acqua e polvere, il processore Exynos Octa core (2.3 GHz Quad + 1.6 GHz Quad) a 64 bit accompagnato da 4 GB di RAM, una batteria a 3.000 mAh. Il Samsung Galaxy S7 Duos esibisce uno schermo da 5,1 pollici di tipo Quad HD a 577 ppi. Nella parte posteriore è presente una fotocamera posteriore da 12 megapixel che, grazie ad alcuni accorgimenti, come l’implementazione del Dual Pixel, permette di catturare immagini più luminose. Nessun cambiamento nella videocamera anteriore il cui sensore è fermo a 5 megapixel. Il prezzo è di circa 600 euro.

Meizu MX6

Display Full HD da 5,5 pollici con risoluzione pari a 1.920 x 1.080 pixel e 403 ppi, a spingere il Meizu MX6 ci pensa il processore MediaTek Helio X20 con CPU a 10 core accompagnato da una GPU ARM Mali-T880, 4 GB di RAM e 32 GB di storage. Equipaggiato con sistema operativo sistema operativo Android 6.0 Marshmallow con interfaccia Flyme OS 5.5 e aggiornabile ad Android 7 Nougat, a bordo troviamo una fotocamera con sensore Sony IMX386 CMOS da 12 megapixel con apertura focale ƒ/2.0, autofocus a rilevamento di fase e flash LED dual tone, e una videocamera frontale di MX6 da 5.0 megapixel. Dalla sua ci sono anche un caricatore mCharge 3.0, con una potenza di carica di 24W, in grado di assicurare la piena autonomia della batteria da 3.060 mAh in 75 minuti.

Microsoft Lumia 950 XL

Terminale di fascia alta targato Microsoft, è basato su Windows 10 Mobile e mostra uno schermo Amoled da 5,7 pollici con 2.560 x 1.440 pixel di risoluzione. Sotto la scocca troviamo processore octa core Qualcomm Snapdragon 810, accompagnato da 3 GB di memoria RAM e 32 GB di spazio interno. Il tutto è alimentato da una batteria da 3.340 mAh. Dal punto di vista tecnico si rivela uno smartphone reattivo, fluido e in grado di gestire le risorse. Certo occorre mettere in conto le sue dimensioni generose che ne fanno un prodotto non per tutti, tuttavia si tratta di un prodotto di qualità con un sistema operativo alternativo a iOS e Android e dall’impegno di spesa di circa 400 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome