Apple ha presentato i nuovi MacBook Pro da 14 e 16 pollici dotati dei chip M2 Pro e M2 Max, una generazione avanzata di chip pro Apple che offre prestazioni migliori e maggiore efficienza energetica. Con i chip M2 Pro e M2 Max, il MacBook Pro è in grado di gestire compiti impegnativi come il rendering di effetti, fino a sei volte più veloce rispetto al modello più veloce di MacBook Pro con processore Intel, e il color grading, fino a due volte più veloce.

L’autonomia del MacBook Pro è fino a 22 ore. Il nuovo MacBook Pro supporta anche il Wi-Fi 6E, fino a due volte più veloce della generazione precedente, e l’HDMI avanzato che supporta i monitor 8K. Il nuovo MacBook Pro offre anche un display Liquid Retina XDR, diverse opzioni di connettività, una videocamera FaceTime HD a 1080p, un sistema audio a sei altoparlanti e microfoni professionali.

Quali sono le novità del MacBook Pro con chip M2 Pro e M2 Max

Il nuovo MacBook Pro con i chip M2 Pro e M2 Max mantiene elevate prestazioni sia quando è collegato alla fonte di alimentazione sia con solo la batteria. Il MacBook Pro con M2 Pro ha una CPU con 10 o 12 core, con fino a 8 core ad alte prestazioni e 4 core ad alta efficienza, per prestazioni fino al 20% superiori rispetto al chip M1 Pro.

Con 200 GBps di banda di memoria unificata, il doppio rispetto al chip M2 e fino a 32 GB di memoria unificata, gli utenti possono gestire progetti di grandi dimensioni e eseguire diverse app professionali contemporaneamente. La GPU di ultima generazione con fino a 19 core offre prestazioni grafiche fino al 30% superiori, mentre il Neural Engine è il 40% più veloce nelle attività di machine learning come l’analisi video e l’elaborazione delle immagini.

Il nuovo MacBook Pro con il chip M2 Max rappresenta un passo avanti per i professionisti alla ricerca di performance grafiche elevate. Con una GPU fino a 38-core di dimensioni nettamente superiori e prestazioni grafiche fino al 30% migliori rispetto al chip M1 Max, il MacBook Pro è in grado di gestire flussi di lavoro impegnativi come la creazione di scene con geometrie 3D e texture estreme o il photomerge di immagini panoramiche di grandi dimensioni.

Include 400 GBps di banda di memoria unificata, il doppio rispetto al chip M2 Pro e fino a 96 GB di memoria unificata, il che rappresenta un passo in avanti nella memoria grafica su un portatile. La CPU 12-core di nuova generazione con fino a 8 core ad alte prestazioni e 4 core ad alta efficienza offre prestazioni fino al 20% superiori rispetto al chip M1 Max, e un media engine più potente rispetto al chip M2 Pro, con il doppio dell’accelerazione ProRes per velocizzare notevolmente la riproduzione e la transcodifica dei contenuti.

Articolo precedenteGIF animate, come fare a crearle
Prossimo articoloSmartphone pieghevoli, nuovo trend del 2023

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome