È bastata la diffusione di un render del Lenovo Z5 per richiamare subito alla memoria iPhone X. O meglio, secondo gli utenti che hanno commentato le immagini, lo smartphone cinese mostra il design che il top di gamma di Cupertino avrebbe dovuto avere: un telefono a tutto schermo, privo di cornici inferiori e superiori, ma soprattutto senza notch. Quella tacca presente nella parte superiore del display continua a non piacere a tutti e gli amanti della perfezione delle linee e del design minimalista la considerano una concessione evitabile. Ecco allora che il Lenovo Z5 prova ad andare oltre, smarcandosi oltretutto anche dagli altri smartphone Android che stanno implementando questa tecnologia.

Appuntamento il 14 giugno

Ad aver condiviso il teaser del device è stato lo stesso vicepresidente della società orientale Chang Cheng. Come anticipato, il terminale dovrebbe esibire un rapporto screen-to-body del 95%, creando dunque un precedente. In ballo nel Lenov Z5 ci sono un display edge-to-edge, cornici sottilissime, quattro innovazioni tecnologiche e la non adozione del notch. A catturare la curiosità non possono che essere le soluzioni escogitate per bypassare la tacca nera, tanto controversa quanto utile per i produttori nella realizzazione di smartphone con schermi interi e dunque con la necessità di collocare i tanti sensori con cui sono equipaggiati, l’altoparlante e il modulo della videocamera. Il conto alla rovescia è comunque iniziato e il 14 giugno saranno rivelati tutti i dettagli.

Curioso fa notare che da lancio sul mercato del Xiaomi Mi Mix, anch’esso di fabbricazione cinese, la corsa è nel realizzare il device con le cornici più sottili. La seconda generazione del Mi Mix mostra un display FullHD+ da 5,99 pollici con risoluzione pari a 2.160 x 1.080 pixel a 570ppi e, in linea con i prodotti più recenti, rapporto 18:9. Xiaomi Mi Mix 2 (dimensioni pari a 151.8 x 75.5 x 7.7 mm per un peso complessivo di 185 grammi, ma 150.5 x 74.6 x 7.7 mm per 187 grammi per la variante in ceramica) è alimentato dal SoC Qualcomm Snapdragon 835 con CPU octa core e GPU Adreno 540 e 6 o 8 GB di RAM di tipo LDPDDR4X. Tre le opzioni di storage a disposizione degli utenti: 64, 128 o 256 GB di memoria UFS 2.1 non espandibile con microSD.

A bordo del device, privo appunto delle cornici laterali e di quella superiore, trova accoglimento una fotocamera posteriore con sensore Sony IMX368 da 12 megapixel, stabilizzazione ottica a 4 assi e apertura focale f/2.0, HDR e messa a fuoco a riconoscimento di fase, registrazione video 4K e flash dual tone. Si tratta appunto di una soluzione sorprendente alla luce della dual camera presente ormai in tutti i top di gamma. Davanti fa invece la sua comparsa una videocamera da 5 megapixel. Siamo davanti a uno smartphone dual SIM equipaggiato con il lettore di impronte digitali integrato sul retro del dispositivo, il sensore di prossimità ultrasonico e una batteria da 3.400 mAh con supporto alla ricarica veloce Qualcomm Quick Charge 3.0.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome