Nel 2018 le consegne mondiali di Apple Watch supereranno i 20 milioni di unità, attestandosi a 20,2 milioni. Lo prevedono gli analisti di Idc, secondo cui l’orologio della Mela raggiungerà i 34,5 milioni di pezzi nel 2022. Nel 2022, stando alle previsioni, le consegne di orologi intelligenti raddoppieranno, arrivando a quota 89,1 milioni di unità. Rappresenteranno il 44% di tutti gli indossabili, che tra quattro anni sfioreranno i 200 milioni di pezzi messi in commercio. I bracciali economici avranno un andamento piatto, a 45,9 milioni.

E in Corea riecco l’iPhone 3GS

Operazione nostalgia in Corea del Sud, dove verrà rimesso in vendita privatamente l’iPhone 3GS, quello lanciato nel 2009, un anno dopo la presentazione del primo melafonino. Il costo si aggira intorno ai 40 dollari, ma il telefono attualmente ha funzioni limitate. Ad esempio non si possono fare selfie, all’epoca non esisteva la fotocamera frontale, né usare alcune app più aggiornate, come quelle dei social, rese oramai inservibili dai nuovi aggiornamenti dei sistemi operativi (è da iOS 6 che Apple non dà supporto agli iPhone 3Gs).

Il tutto mentre è stato depositato un brevetto per trasformare gli schermi di iPhone e iPad in specchi. Presentato qualche mese fa da Apple all’ufficio brevetti statunitense, è stato pubblicato da pochi giorni e chissà se in futuro potrà essere applicato dalla società di Cupertino sui suoi dispositivi. La tecnologia prevede l’inserimento di uno strato aggiuntivo al display, formato a sua volta da più strati contenti anche un polarizzatore riflettente e cristalli liquidi. La modalità display e la modalità specchio potrebbero coesistere contemporaneamente.

Apple ha poi corretto il bug nella sicurezza che consente alle forze dell’ordine di accedere ai contenuti di un iPhone senza averne la password. Il cambiamento arriverà con un aggiornamento del sistema operativo iOS di iPhone e iPad. Una volta tappata la falla, la porta Lightning del melafonino, così si chiama, non potrà più essere usata entrare nel dispositivo. Apple in una dichiarazione ha ribadito il massimo rispetto per le forze dell’ordine. Obiettivo dell’aggiornamento non è aiutare i clienti a difendersi da hacker, furti di sicurezza e intrusioni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome