Se un sito web sta manifestando una riduzione delle sue prestazioni e una congestione del traffico di rete, occorre considerare la possibilità che tale problema possa essere attribuito ai cookie. Una soluzione efficace a questa problematica può essere l’adozione di domini privi di cookie, comunemente noti come cookieless.

Nonostante i cookie rappresentino uno degli elementi centrali dell’esperienza online, talvolta possono comportare inconvenienti. Oltre alle preoccupazioni relative alla privacy e alla sicurezza associati ai cookie di terze parti, i cookie che vengono automaticamente allegati alle immagini e ad altri contenuti statici del sito possono influire negativamente sulle prestazioni complessive della pagina. È pertanto possibile mitigare l’impatto di questi cookie sulle prestazioni del sito web mediante l’impiego di domini privi di cookie.

Cosa è un dominio cookieless

I domini cookieless sono sezioni di un sito web che non trasmettono cookie ai browser degli utenti. La scelta di non inviare cookie non è sempre la soluzione ottimale. I cookie HTTP rappresentano piccoli pacchetti di dati che i siti web trasmettono ai browser degli utenti, svolgendo un ruolo cruciale nell’abilitare i siti stessi a ricordare gli utenti per visite successive. Tuttavia, è importante esercitare cautela nel quantitativo di cookie HTTP trasmessi, preferendo mantenerne un numero limitato.

A ogni visita a un sito web, è possibile che si venga richiesti di memorizzare cookie nel proprio browser. Oltre alle informazioni relative al sito e alla specifica pagina visitata, i cookie contengono un identificatore univoco associato al browser dell’utente. Questo identificatore consente al sito di “ricordare” l’utente in visite successive.

I cookie HTTP trovano applicazione in diversi contesti, tra cui la gestione delle sessioni, la personalizzazione e il tracciamento degli utenti. La gestione delle sessioni rappresenta un utilizzo relativamente innocuo dei cookie, poiché mira principalmente a fornire un’esperienza coerente agli utenti, evitando loro di ripetere azioni comuni a ogni visita. L’utilizzo dei cookie per il tracciamento solleva considerevoli questioni in termini di privacy, poiché può comportare la raccolta di informazioni sugli utenti e il loro monitoraggio in varie parti del web. Gli inserzionisti possoo così visualizzare annunci mirati o utilizzare i cookie come veicolo per attacchi informatici, generando preoccupazioni etiche e relative alla privacy. I cookie possono ad esempio essere sfruttati anche per personalizzare le pagine web in base alle preferenze degli utenti regolando la lingua preferita o adattandosi ai requisiti specifici dei diversi browser utilizzati dagli utenti.

Perché usare un dominio cookieless

L’adozione di domini cookieless presenta diversi vantaggi, con particolare enfasi sulla mitigazione del carico di rete derivante dal traffico dei cookie superflui. Durante l’invio degli elementi di una pagina ai visitatori, vengono richieste risorse di rete, tra cui gli stessi elementi e le intestazioni di risposta contenenti informazioni di routing e cookie. L’invio di un grande volume di cookie in ciascuna richiesta di pagina può accumularsi rapidamente, comportando rallentamenti nei tempi di caricamento delle pagine e un sovraccarico per l’host web.

L’utilizzo di domini cookieless elimina gran parte delle problematiche connesse all’invio di cookie non essenziali, con un conseguente miglioramento delle prestazioni complessive del sito web. Ogni interazione con la pagina web costituisce, in realtà, una richiesta separata al server web. Di conseguenza, gli utenti potrebbero sperimentare ritardi, persino durante attività di navigazione di base. Sebbene gli elementi della pagina e i cookie possano essere memorizzati nella cache e riutilizzati dopo i primi caricamenti, ciò può causare disagi se le pagine subiscono modifiche o se l’utente naviga in profondità nel sito web. L’approccio cookieless può migliorare i tempi di caricamento delle pagine e la capacità del sito di gestire carichi di traffico più elevati.

Articolo precedenteQuanto costa un servizio recupero crediti online e offline?
Prossimo articoloScontrino, ricevuta fiscale o fattura elettronica?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome