Il 25 Aprile di ogni anno si festeggia la liberazione d’Italia: è il giorno in cui si ricorda la lotta e la resistenza al governo fascista della Repubblica Sociale Italiana — e all’occupazione nazista — portata avanti dalle forze partigiane durante la Seconda Guerra Mondiale.

Frasi e video

In questa occasione, saranno in molti a condividere post e foto su Facebook, Twitter o Instagram sul tema: di materiale audio-video su quel periodo ce n’è in abbondanza, quindi noi siamo andati alla ricerca di quelle che sono le testimonianze e filmati più rappresentativi di questo importante giorno. Ma prima, vogliamo darvi qualche accenno storico.

Il 25 Aprile del 1945, Sandro Pertini annunciava e proclamava, per radio, lo sciopero generale rivolto a tutti i cittadini che combattevano e soffrivano nei territori ancora occupati: nel video che segue sentiremo, proprio dalla sua voce, queste parole.

«Arrendersi o perire!»

Questa era la parola d’ordine di quei ultimi giorni di lotta: entro la fine del mese di Aprile, infatti, tutta l’Italia settentrionale fu liberata e Bologna, Genova e Venezia furono le prime.

Il termine effettivo della guerra sul territorio italiano, con la resa definitiva delle forze nazifasciste all’esercito alleato, avvenne solo il 3 maggio, come stabilito formalmente dai rappresentanti delle forze in campo durante la cosiddetta resa di Caserta firmata il 29 aprile 1945: tali date segnano anche la fine del ventennio fascista.

10 anni dopo il celebre proclama di Pertini, la RAI dedica uno speciale cinegiornale al ricordo degli avvenimenti e delle celebrazioni che si sono tenute in tutta Italia proprio in quella data indimenticabile. Il video è restaurato dalla Studio Luce, grazie al quale ancora oggi possiamo godere di questi pezzi di storia della nostra televisione.

Sempre la RAI, nel corso de decenni successivi, realizza svariati documentari: il primo vi riportiamo riguarda le testimonianze e i racconti delle persone che hanno vissuto e combattuto in quel triste periodo della nostra recente storia, mentre il secondo è più incentrato sui fatti e le vicende storiche.

 

Articoli correlati:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome