Arriva la nuova versione del sistema operativo per Mac. Si chiama MacOS Mojaveb e un primo assaggio è stato fornito dalla stessa società di Cupertino in occasione della WWDC 2018, in corso fino a venerdì a San Jose, ovvero il tradizionale raduno con i suoi sviluppatori. E come capita tutte le volte che la multinazionale della mela morsicata sforna un nuovo software, novità e miglioramenti sono dietro l’angolo. Il tutto ricordando che, non appena in autunno sarà pronta la versione finale, il nuovo sistema operativo sarà gratuitamente scaricabile su tutti i MacBook e gli iMac di fine 2009 e successivi, con tutti i MacBook Air, MacBook Pro, Mac mini, Mac Pro dal 2010 e successivi.

E allora, tra le novità di MacOS Mojave, adesso disponibile in beta preview, ecco la nuova Dark Mode, la funzione Stacks che organizza le Scrivanie più impilando i file in gruppi ordinati, al disponibilità di alcune delle app iOS più popolari, come News, Borsa, Memo vocali e Casa, il supporto di FaceTime supporta alle chiamate di gruppo, il restyling del Mac App Store e l’aggiunta di app dai principali sviluppatori, inclusi Microsoft e Adobe.

Chiamate FaceTime di gruppo. Le chiamate FaceTime di gruppo consentono di chattare con più persone in contemporanea. Si possono inoltre aggiungere partecipanti in qualsiasi momento, se la conversazione è ancora attiva, e ci si può unire alla chat usando l’audio o il video da un iPhone, iPad o Mac. E partecipare usando l’audio FaceTime dall’Apple Watch.

Dark Mode. Gli utenti di MacOS Mojave possono abilitare Dark Mode per trasformare la Scrivania con uno schema colori più scuro, che mette in risalto i contenuti mentre i controlli restano in background. Possono passare da una Scrivania chiara a una scura, e le app integrate come Mail, Messaggi, Mappe, Calendario e Foto includono tutte design pensati per la nuova Dark Mode. MacOS Mojave presenta una nuova Dynamic Desktop che varia in automatico l’immagine della Scrivania in base all’ora del giorno. Gli sviluppatori possono usare l’apposita API per implementare Dark Mode nelle loro app.

News, Borsa, Memo vocali e Casa. In MacOS Mojave, alcune app sono ora disponibili anche su Mac. Negli articoli dell’app News, foto e video appaiono sul display del Mac e gli utenti possono seguire le loro pubblicazioni da un’unica app. Con Casa, gli utenti Mac possono controllare gli accessori HomeKit per gestire varie funzioni come accendere e spegnere le luci o regolare le impostazioni del termostato direttamente dal computer. Con i Memo vocali è possibile registrare appunti personali, lezioni, meeting, interviste e spunti per nuovi brani, per poi accedervi da iPhone, iPad o Mac. L’app Borsa mostra news selezionate sui mercati oltre a una lista personalizzata completa di quotazioni e grafici interattivi.

Nuovo Mac App Store. Il nuovo design mette in evidenza le app nuove e aggiornate nella tab Discover, mentre le tab Create, Work, Play e Develop aiutano gli utenti a trovare app per uno scopo o progetto specifico. Tra le app che saranno presto disponibili sul Mac App Store ci soo Microsoft Office, Adobe Lightroom CC.

Scrivania e Finder. La funzione Stacks può organizzare le Scrivanie impilando automaticamente i file in gruppi ordinati basati sul tipo di documento. Gli utenti possono personalizzare le Stacks in base ad altri attributi dei file, per esempio la data o i tag. Anche il Finder è stato aggiornato in MacOS Mojave con una nuova Gallery View che consente agli utenti di scorrere visivamente i file. Il pannello dell’anteprima mostra ora tutti i metadati di un documento per gestire con più facilità interi asset di contenuti. Le azioni rapide consentono agli utenti di creare e proteggere tramite password un PDF oppure eseguire azioni Automator personalizzate sui file direttamente dal Finder. Visualizzazione rapida mostra rapidamente un’anteprima full-size dei documenti.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome