Con quella appena rilasciata sono già cinque le versioni beta di iOS 12.1. Si tratta del nuovo aggiornamento alla major release: il software è pensato sia per la correzione di difetti e per la risoluzione di bug e sia per l’implementazione di alcune novità. Se la primissima versione di prova di iOS 12.1 aveva implementato il supporto alle eSIM e alle chiamate FaceTime di gruppo, la seconda è stata caratterizzata dall’attivazione della funzionalità con cui di controllare la profondità di campo in tempo reale anche durante lo scatto. Fino a questo momento questa opzione è stata infatti limitata al momento del salvataggio della foto. Le successive sono solo di tipo correttivo ovvero non introducono funzionalità significative.

In parallelo, i laboratori della mela morsicata hanno messo a disposizione la beta 5 di tvOS 12.1 per Apple TV e la nuova beta di watchOS 5.1 per Apple Watch. Si fa presente come iOS 12.1, il cui rilascio della versione finale è atteso tra la fine di questo mese e l’inizio di novembre e al pari di quanto visto con i precedenti aggiornamenti di sistema operativo per i terminali a firma Apple, sia supportato non solo dai recenti top di gamma iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR, ma anche da iPhone X, iPhone 8 e iPhone 8 Plus, iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPhone 6S, iPhone 6 Plus, iPhone 6, iPhone 5S, iPhone SE, iPad Pro da 12,9 pollici di prima e seconda generazione, iPad Pro da 10,5 pollici, iPad Pro da 9,7 pollici, iPad Air 2, iPad Air, iPad (2018), iPad (2017), iPad 4, iPad mini 4, iPad mini 3

In ogni caso, non appena pronta, la ricezione della notifica della disponibilità di release finale del sistema operativo made in Apple, incluso il nuovo iOS 12.1, è ovviamente automatica e contemporanea per tutti i dispositivi della mela morsicata per cui è stata annunciata la compatibilità, ma per accelerare i tempi e verificare manualmente la presenza dell’upgrade dal proprio iPhone o iPad, è possibile seguire il percorso Impostazioni Generali -> Aggiornamento Software -> Scarica e Installa oppure collegare il device a un Mac o a un PC via iTunes.

Apple sfida Netflix: produrrà contenuti per la tv in streaming

Il 2019 potrebbe essere l’anno del rilancio di Apple nel mercato della nuova tv: quella digitale, in streaming via internet, da vedere sul televisore o lo smartphone, il tablet o il pc. La compagnia californiana starebbe lavorando a una nuova strategia per inserirsi nel settore, giocando in modo diverso rispetto ai rivali come Netflix e Amazon. Niente abbonamenti, ma programmi gratis a chi è già cliente della Mela. Le indiscrezioni, riferite dall’emittente Cnbc, sostengono che Apple voglia offrire i suoi contenuti audiovisivi originali – programmi tv prodotti o comunque acquistati in esclusiva con oneroso esborso – gratuitamente, attraverso una applicazione tv rinnovata, a chi possiede un dispositivo col marchio della mela morsicata come l’iPhone, l’iPad o l’Apple TV.

Stando alle fonti, il servizio di Apple unirebbe i contenuti audiovisivi originali, distribuiti gratis ai propri utenti, a una serie di canali esterni in abbonamento, ad esempio quelli a stelle e strisce di Hbo e Starz. In questo modo gli utenti non avrebbero bisogno di installare le applicazioni di altri servizi in streaming, potendo accedere direttamente dalla app di Apple.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome