Lytro Illum è una nuovissima e innovativa macchina fotografica che promette di rivoluzionare il modo di riprendere i nostri ricordi. Nel mondo della fotografia non si registra una vera rivoluzione dal passaggio di testimone tra la fotocamere analogiche e quelle digitali. Scopriamo in che modo Lytro Illum intende differenziarsi dal mercato per diventare un punto di riferimento d’avanguardia. Al centro della rivoluzione promessa c’è lo scatto della fotografia, reso più semplice e immediato. Ma come?

Se prima era necessario mettere a fuoco la scena e poi scattare a foto, ora la fase di messa a fuoco può essere posticipata in un secondo momento. La tecnologia alla base di questa “magia” viene definita “light field“, che si può tradurre in “campo di luce”. La luce viene fatta filtrare attraverso cento lenti in modo da riuscire ad analizzarne le variazioni di direzione. In questo modo i sensori della Lytro Illum sono in grado di registrare la distanza dalla fonte di ogni singolo fascio di luce, percependo quindi, proprio come farebbe l’occhio umano, tutte e tre le dimensioni.

L’immagine che si ottiene è un’immagine più ricca di informazioni, che possono essere vagliate ed esplorate ex post, rivoluzionando quindi il modo di fotografare.
La messa fuoco e l’angolo di inquadratura come la prospettiva possono essere quindi studiate successivamente, lasciando al fotografo una maggiore velocità e immediatezza nello scatto. La domanda che sorge spontanea è se la Lytro terrà solo per se questa tecnologia o se, forse in modo più lungimirante, la metterà a disposizione di altri produttori, favorendone l’integrazione in altri dispositivi portatili. Il prezzo di questo gioiello tecnologico dovrebbe essere assestarsi intorno ai 1.500 euro