Tra le novità e i nuovi modi per vedere in streaming gratis gli ultimi appuntamenti con il campionato italiano, compresi Roma Genoa e Sampdoria Napoli, in campo alle 18, c’è quello dei siti delle emittenti non italiane che hanno regolarmente acquisito i diritti per la gestione delle immagini della stagione sportiva. La questione è comunque controversa, tenendo conto che non tutti propongono questa opportunità, anche in riferimento a Roma Genoa e Sampdoria Napoli. Alcuni punti di riferimento sono i Paesi Bosnia ed Erzegovina con BHRT e Televizija OBN, Colombia con RCN TV, Bielorussia con Belteleradio, Croazia con HRT, Birmania con MNTV, Cipro con CyBC, Bolivia con Bolivia TV, Danimarca con MTG, Brasile con Rede Bandeirantes e Rede Globo, Ecuador con RTS, Estonia con TV6, Bulgaria con bTV Action , El Salvador con TCS, Cina con CCTV, LeTV, Sina, Tencent e PPTV, Finlandia con Yle, Belgio con Medialaan e RTL, Francia con D8, Costa Rica con Teletica.

Senza dubbio sono percorribili le strade di Premium e Sky. Nel primo caso lo streaming da PC e dispositivi mobile, compresi Roma Genoa, Sampdoria Napoli, è possibile con il servizio Premium Play, accessibile dai soli abbonati. Sky propone invece lo streaming in due modi: l’app Sky Go, solo per abbonati, e la piattaforma web Now TV, per cui non occorre alcun abbonamento con l’emittente satellitare. Il costo di un singolo match è di 9,99 euro e attualmente è in vigore una promozione che consente di scoprire gratuitamente il servizio per 14 giorni, anche se non comprende gli impegni del campionato italiano. Tra le tendenze degli ultimi tempi c’è quella di Facebook. Sono infatti già state trasmesse le prime immagini in live streaming gratis in italiano a firma Lega Pro.

Si tratta solo di una sperimentazione a carattere ufficiale di questo strumento, ma la rotta è stata tracciata. In questo modo, da una parte si colloca in una posizione di difficoltà Rojadirecta e quelle piattaforme web che propongono illegalmente modi alternativi e gratis per il live streaming gratis su cellulari, tablet e PC. Dall’altra si facilita la visione ai tanti tifosi che vivono all’estero. Tuttavia di ufficiale e strutturato non c’è ancora nulla e vedere Roma Genoa e Sampdoria Napoli in streaming su Facebook significa muoversi ai confini della legalità. Basta fare un giro dalle 18 in poi e notare le tante pagine e i molti gruppi creati ad hoc per rendersi conto di un fenomeno molto diffuso.

E dal prossimo anno si cambia: rivoluzione streaming

Serie A sempre più spezzatino: all’indomani dell’assemblea di Lega è stato pubblicato, come annunciato, il bando relativo all’assegnazione dei diritti audiovisivi del campionato di Serie A per il triennio 2018-2021, assegnazione che sarà fatta entro il 10 giugno. La principale novità è rappresentate dalle finestre in cui verranno collocate le partite, che passano da 5 a 8: al sabato, oltre ai tradizionali appuntamenti delle 18 e delle 20.30 (non più 20.45) si aggiunge quello delle 15, alla domenica si giocherà alle 12.30, alle 15, alle 18 e alle 20.30 e ci sarà sempre un posticipo del lunedì alle 20.30.

Nei turni infrasettimanali previsto un anticipo al martedì alle 21, il mercoledì si giocherà una gara alle 19 e sei alle 21 mentre il giovedì ci saranno due posticipi, alle 19 e uno alle 21. La Lega si riserva poi la possibilità, per andare incontro alle esigenze delle squadre impegnate in Europa, di sostituire le finestre del sabato alle 15 o 18 con una o due finestre, purché non in contemporanea tra loro, il venerdì. Unica eccezione a giugno e agosto, con quattro finestre complessive: due al sabato e due alla domenica, entrambe alle 18 e alle 20.30. Per quanto riguarda i pacchetti, ne sono stati individuati 5: A (satellite), B (digitale terrestre), C1 e C2 (Internet, Iptv e wireless per reti mobili) e D (tutti).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome