Arriva AirTag, l’accessorio che permette a chi ha un iPhone di non perdere di vista e ritrovare gli oggetti usando l’app Dov’è di Apple. Agganciato a borsa, chiavi, zaino o qualsiasi altra cosa, AirTag sfrutta la vasta rete globale Dov’è e può aiutare a localizzare un oggetto smarrito mantenendo privati e anonimi i dati personali grazie alla crittografia end-to-end.

Funzionamento e prezzi AirTag

AirTag è rotondo, piccolo e leggero, realizzato in acciaio inossidabile lucido e inciso con precisione, e ha una resistenza all’acqua e alla polvere di grado IP67. L’altoparlante integrato emette un suono per permettere di individuare la posizione dell’AirTag, e la batteria può essere sostituita grazie al lato rimovibile. AirTag si configura come gli auricolari e le cuffie AirPods: per collegarlo basta avvicinarlo all’iPhone.

È anche possibile assegnare un nome a ogni AirTag per associarlo a un oggetto specifico, usando le opzioni predefinite come chiavi o giacca o scegliendo un’altra parola. Una volta configurato, AirTag appare su un mappa nella nuova tab Oggetti dell’app Dov’è, insieme alle informazioni sulla posizione attuale o sull’ultima rilevata.

Se l’oggetto smarrito si trova nel raggio d’azione del Bluetooth, basta usare l’app Dov’è per far emettere un suono all’AirTag e localizzarlo. Si può anche chiedere a Siri di trovare l’oggetto e l’AirTag suonerà se è nelle vicinanze.

Ogni AirTag ha un chip U1 progettato da Apple che usa la tecnologia Ultra Wideband e interagisce con la funzione Posizione precisa su iPhone 11 e iPhone 12. Questa tecnologia evoluta è in grado di stabilire con maggior accuratezza la distanza di un AirTag smarrito e in che direzione si trova, se è nel raggio d’azione. Man mano che ci si sposta, Posizione precisa raccoglie i dati da fotocamera, ARKit, accelerometro e giroscopio, e guida l’utente fino all’AirTag usando feedback sonori, aptici e visivi.

Se l’AirTag è lontano e fuori dal raggio d’azione del Bluetooth, viene in soccorso la rete Dov’è: formata da quasi un miliardo di dispositivi Apple, è in grado di rilevare i segnali Bluetooth di un AirTag smarrito e inviare la posizione al proprietario, il tutto in background e in forma anonima e riservata. Su AirTag si può anche attivare la modalità Smarrito, in modo da ricevere una notifica se è nelle vicinanze o se è stato individuato dalla vasta rete Dov’è.

Se qualcuno trova un AirTag che non è suo, può toccarlo con il proprio iPhone o qualsiasi dispositivo dotato di tecnologia NFC per accedere a un sito web in cui appare il numero di telefono del proprietario, nel caso sia stato indicato. AirTag può essere acquistato in confezione da una o quattro unità a 35 e 119 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome