Per gli appassionati di social media che vogliono aumentare il proprio seguito, sfruttare la nuova funzione delle storie di TikTok è un’opportunità in più. Lanciata di recente, questa caratteristica porta la piattaforma, nata nel 2016, a competere con funzioni simili presenti su Instagram e altri social.

Le storie di TikTok consistono in brevi contenuti multimediali, come foto e video, che gli utenti e i follower possono visualizzare sul profilo del creatore. Questi contenuti appaiono sia nella schermata principale di TikTok che nella sezione “Per te” e hanno una durata massima di 15 secondi, rimanendo disponibili per 24 ore. Per chi ha già esperienza con Instagram, l’approccio alla creazione di storie su TikTok sarà molto familiare: sia le foto che i video possono essere arricchiti con filtri, testi e effetti, proprio come nei video standard di TikTok.

Il consiglio per chi crea storie su TikTok è di lasciarsi andare alla creatività e di esplorare tutte le opzioni offerte dalla piattaforma, adottando un approccio fresco e personalizzato. Può aiutare a distinguersi in un mare di contenuti e a costruire un seguito più ampio e coinvolto.

Una caratteristica delle storie di TikTok è la possibilità per gli utenti di lasciare commenti pubblici, anche se, a differenza di Instagram, non è possibile vedere chi ha visualizzato i contenuti. Questa limitazione ha suscitato dibattiti tra gli utenti che desiderano una maggiore interazione pubblica con le storie.

Storie su TikTok, come farle

Per iniziare a condividere storie su TikTok, il primo passo è scaricare l’applicazione disponibile sia per dispositivi Android sia iOS. Dopo l’installazione, è possibile registrarsi utilizzando un numero di telefono, un indirizzo email o collegando direttamente i profili di Facebook, Twitter o Google.

Una volta aperta l’app e effettuato l’accesso, si trova nella schermata principale un pulsante contrassegnato da un simbolo più, situato nella barra inferiore, che permette di pubblicare nuovi contenuti. Se è il primo utilizzo dell’app, TikTok richiederà l’autorizzazione per accedere a camera e microfono del dispositivo.

Per creare una storia, l’utente può dirigere direttamente alla funzione di creazione di video e foto, o navigare al proprio profilo e selezionare l’icona “più” di colore celeste. Qui, è possibile dare inizio alla personalizzazione del contenuto scegliendo un sottofondo musicale tramite il pulsante “Aggiungi suono”, o aggiungendo effetti visivi tramite il bottone “Effetti”.

Le storie su TikTok offrono varie opzioni di personalizzazione come l’aggiunta di filtri, la regolazione della velocità di riproduzione e la scelta tra fotocamera frontale o posteriore. Per iniziare la registrazione, basta toccare il pulsante “Rapido” e poi premere il tasto centrale rosso. Per le storie fotografiche, si seleziona l’opzione “Foto” sopra il tasto di registrazione.

Dopo aver registrato il video o scelto la foto, l’utente può decorare la storia con sticker, testi, suoni ed effetti speciali. Infine, per pubblicare, è sufficiente toccare il pulsante “Pubblica come Storia”, evidenziato in bianco, e la storia sarà visibile per 24 ore sul profilo dell’utente. Questa è una maniera efficace e creativa per ingaggiare i follower e aggiungere un tocco personale alle interazioni su TikTok.

Storie pubblicate su TikTok, come vederle

Per accedere alle storie su TikTok, gli utenti possono adottare un metodo simile a quello impiegato su Instagram. Il primo passo è entrare nel profilo di interesse o utilizzare la funzione di ricerca dell’app, accessibile tramite l’icona a forma di lente di ingrandimento.

Per verificare la presenza di nuove storie pubblicate da un utente su TikTok, si può osservare il profilo cercato: se attorno all’immagine del profilo c’è un anello azzurro, significa che ci sono storie attive da visualizzare. Una volta viste le storie, l’anello diventerà di colore grigio, segnale che non ci sono altre novità da scoprire. Questa funzionalità consente agli utenti di identificare rapidamente se ci sono aggiornamenti senza dover aprire il profilo.

Articolo precedenteSpid, cosa attivare per accedere ai servizi prima di IT Wallet
Prossimo articoloWi-Fi 7: come funziona e quali sono i benefici

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome