5g smartphone

Il mercato degli smartphone sta rapidamente convergendo verso l’ampia adozione della tecnologia 5G. Questo si traduce in dispositivi sempre più performanti e reattivi, dotati di hardware avanzato e di un’antenna 5G per la ricezione del segnale. L’attivazione del 5G su uno smartphone offre una connessione ad alta velocità per il download e l’upload dei dati, oltre a un minore consumo energetico e la capacità di gestire più dispositivi per unità di superficie.

Ci sono requisiti fondamentali da considerare per sfruttare appieno il 5G. In primo luogo, è necessario avere una SIM compatibile con questa tecnologia e un piano dati specifico per il 5G attivato. È importante verificare se il proprio operatore mobile offre la navigazione in 5G consultando le specifiche del piano tariffario sul sito web dell’operatore.

Occorre trovarsi in un’area geografica coperta dalla rete 5G. Esistono diverse risorse online, come la mappa di nperf, che mostra la copertura della rete mobile 2G, 3G, 4G e 5G per vari operatori. Infine, per sfruttare appieno il nuovo standard di navigazione, è indispensabile possedere uno smartphone compatibile con il 5G.

Controllare se il 5G è supportato

Il modo per determinare la compatibilità dello smartphone Android con il 5G consiste nel consultare l’etichetta sulla scatola originale dell’acquisto, dove solitamente è indicata la compatibilità con questa tecnologia. È sufficiente individuare la presenza della scritta 5G, che certifica il supporto alla rete di nuova generazione.

Un secondo metodo consiste nel consultare il manuale di istruzioni, specificamente nella sezione relativa alla “Potenza e bande di frequenza”. Se viene menzionata la “Banda 5G” seguita da specifiche sigle, ciò indica la compatibilità del dispositivo con questa standardizzazione.

Analogamente, la procedura per verificare la compatibilità degli iPhone con il 5G rimane invariata. È sufficiente esaminare l’etichetta sulla scatola e individuare, nella parte posteriore, la dicitura “Supporta: tecnologie cellulari GSM, UMTS, LTE e 5G (sub-6 GHz)”. È da notare che, attualmente, i modelli di iPhone 13, iPhone 12 e iPhone SE di terza generazione sono quelli che supportano la rete 5G.

Come attivare il 5G su iPhone e smartphone Android

Per attivare il 5G su uno smartphone Android, come ad esempio il Samsung Galaxy S21 Ultra 5G, il primo passo è accedere alle Impostazioni e selezionare la voce Gestione schede SIM (o equivalente, a seconda del modello). Questa schermata visualizza i numeri di cellulare attivi, corrispondenti alle SIM inserite nello smartphone. Si seleziona quindi il numero desiderato per attivare la rete 5G e si fa tap su Tipo di rete preferita. Nella nuova schermata, si sceglie l’opzione Preferisci rete 5G per abilitare lo standard.

Per mantenere attiva la connessione mobile 5G su uno smartphone Android, si segue il percorso Connessioni -> Reti mobili -> Modalità di rete. Qui si seleziona l’opzione 5G/4G/3G/2G (connessione automatica) tra le varie opzioni disponibili, particolarmente utile quando si è sotto copertura Wi-Fi.

Per attivare il 5G su un iPhone è necessario accedere a Impostazioni -> Cellulare -> Opzioni dati cellulare. In caso di utilizzo della modalità dual-SIM, si va su Impostazioni -> Cellulare e si seleziona il numero per modificare le opzioni. A questo punto, si sceglie come l’iPhone utilizzerà la rete 5G, tra cui l’opzione 5G Auto che permette un consumo intelligente dei dati. Se la velocità del 5G non offre un miglioramento sensibile, il dispositivo passa automaticamente all’LTE per preservare la durata della batteria.

Le altre opzioni includono 5G attivo, che utilizza il 5G quando disponibile ma potrebbe ridurre l’autonomia della batteria, e LTE, che utilizza solo la rete LTE anche quando disponibile il 5G. Gli utenti interessati a utilizzare il 5G con la modalità dual-SIM sui modelli di iPhone 12 devono aggiornare il dispositivo a iOS 14.5 o versioni successive. Per verificare la versione del sistema operativo, è possibile controllare in Impostazioni -> Generali -> Info -> Versione software.

Articolo precedentePhotopea, come si usa l’alternativa gratis a Photoshop
Prossimo articoloPanasonic: il nuovo top di gamma è il MZ2000 con tecnologia Oled

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome