Il diritto alla riparazione è un nuovo strumento introdotto dall’Unione europea per tutelare i diritti del consumatore e l’ambiente. Per contrastare l’obsolescenza programmata, i produttori che operano in Europa hanno l’obbligo di immettere sul mercato prodotti facili da riparare e per i quali sono disponibili i pezzi di ricambio. A seconda dell’elettrodomestico e delle caratteristiche del prodotto acquistato, i ricambi principali devono essere disponibili per un periodo per un periodo che può arrivare che può arrivare fino a 10 anni.

I produttori devono garantire che tutti che tutti i pezzi da sostituire devono essere nella disponibilità dei tecnici entro 15 giorni lavorativi. Gli elettrodomestici devono essere realizzati in modo tale da poter essere riparati senza arrecare danni al prodotto.

Garanzia estesa e diritto alla riparazione, come funziona

L’estensione di garanzia è una garanzia commerciale che il produttore o venditore a volte offre con un altro nome e alle condizioni che preferisce. Alcune durano solo sei mesi, altre uno o più anni. Alcune prevedono la sostituzione del prodotto, altre no. Quasi tutte, secondo Altroconsumo, prevedono che il cliente paghi una parte dei costi di riparazione. Le garanzie commerciali sono chiamate spesso con il nome del produttore.

Il periodo di copertura può variare da alcuni mesi ad alcuni anni. Anche la decorrenza della copertura cambia: può sovrapporsi in parte al periodo di garanzia legale oppure può scattare subito dopo. Nel primo caso può essere comunque interessante se fornisce prestazioni aggiuntive rispetto a quelle obbligatorie per legge, ad esempio il rimborso per furto o danneggiamento. In ogni caso è sempre meglio, prima dell’acquisto di una qualsiasi di queste garanzie, informarsi sulle condizioni.

Le coperture sono diverse. Alcune somigliano alle assicurazioni e intervengono anche per rottura accidentale e di furto. Altre coprono solo la riparazione per guasti non provocati dal cliente. Prima di acquistare il servizio, Altroconsumo consiglia di leggerne le condizioni, complete di coperture, costi, limiti. Se impossibile è bene valutare il prezzo della copertura e dell’oggetto che copre.

Alcuni costi, come materiale e manodopera, possono essere a carico del cliente. In alcuni casi, la garanzia non risponde se il valore dell’intervento supera il prezzo di acquisto del prodotto. I limiti possono riguardare anche l’intervento a domicilio o in località difficili da raggiungere. Ci sono polizze che escludono dalla copertura gli accessori, come telecomandi e manopole, o il malfunzionamento dello schermo dei cellulari. L’esposizione agli agenti atmosferici, l’usura e i virus informatici sono spesso esclusi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome