Il desktop di Ubuntu
Il desktop di Ubuntu

Allora, Linux è un fiore mai sbocciato. Agli utenti non piace: è troppo complicato. Ubuntu è una realtà consildata, ma è vero che, al di fuori di alcuni programmi, non esistono motivi sufficienti per passare a Linux, a meno che non siamo degli scienziati o degli impiegati che usano il Pc come una macchina da scrivere abbastanza avanzata. Ecco perché nel 2015 Linux non sboccerà nè ora nè mai.

Zero programmi professionali

Le alternative opensource alla piattaforme Adobe Creative Cloud non esistono. Forse, esiste qualcosa sull’impagnazione, ma sul fotoritocco non ci siamo: Adobe è un passo avanti e non c’è sviluppatore che possa dire di avere in mano un algoritmo per gestire (che so) i video in modo migliore di quanto faccia permiere. Questo basta a togliere dal campo una buona parte dell’utenza professionale: grafici, creativi e videomaker che, pur facendo gli alternativi, fanno tutti ricorso al sistema più proprietario che esista: Apple.

Linux è compicato

Ok Ubuntu è Linux per umani. Ma è comunque complicato. Windows 8 (che da queste parti odiamo) è molto più scorrevole delle scorrevoli piattaforme Linux. Agli scienziati piace: basta aprire l’interfaccia testuale, mettere qualche stringa di testo e tutto va che è una meraviglia. A noi mani non basta e, a meno che Microsoft non ci metta mano, la cosa rimarrà così. Siccome abbiamo smesso di credere a Babbo Natale, temiamo che Linux non verrà mai tradotto per l’utente medio.

Quasi non ci si può giocare

Giocare su Mac è già un problema. Figuratevi su Mac. Una volta, si poteva giocare a Sim City 3000. Oggi, complice anche (forse) la quantità infinita di distribuzioni, non ci sono videogiochi compilati per Linux. Per la gioia di qualche datore di lavoro che vede il Pc come una macchina da scrivere, anche se ci sono dei problemi a usarlo anche come macchina da scrivere.

Open office non funziona

Ok, ok, ok, qua andiamo su un campo minato. Open Office e Libre Office fanno la loro onesta figura. Tuttavia. la suite Microsoft è un’altra cosa. I ribbons sono una gioia per il mouse e la grafica è decisamente più curata. E, ovviamente, i programmi della Suite Office NON vanno su Linux.

Leggi anche: